Ultimo aggiornamento alle 6:54
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

il commento

Il candidato sindaco di Portigliola: «Il tribunale di Locri e la Corte d’appello hanno certificato la mia candidabilità»

Rocco Luglio è stato sindaco del Comune. «E’ una mera segnalazione che non ha alcuna conseguenza a fini elettorali»

Pubblicato il: 31/05/2024 – 16:13
Il candidato sindaco di Portigliola: «Il tribunale di Locri e la Corte d’appello hanno certificato la mia candidabilità»

REGGIO CALABRIA «E’ bene chiarire che il comunicato della commissione parlamentare antimafia riguarda, da una parte, 32 candidati ritenuti impresentabili per aver riportato condanne penali varie e, dall’altra, segnala 13 altri candidati che hanno ricoperto il ruolo di sindaco e di componente della giunta in comuni sciolti per infiltrazioni mafiose: evidentemente, il mio nome è ricompreso in questo secondo elenco. Come autorevolmente indicato, si tratta di una mera segnalazione che non ha alcuna conseguenza a fini elettorali o in merito alla effettiva candidabilità dei soggetti segnalati». Lo afferma in una nota Rocco Luglio, già sindaco di Portigliola, nel reggino, candidato a sindaco alle prossime amministrative, il cui nome, insieme a quello di un altro componente della sua giunta, nell’elenco stilata della commissione. «A riguardo – prosegue – mi preme evidenziare che la stessa segnalazione non tiene in alcun conto quanto concretamente avvenuto con riferimento al Comune di Portigliola. È quindi doveroso evidenziare, da una parte, che a seguito dello ‘scioglimento’ solo il sottoscritto è stato destinatario di una richiesta di incandidabilità da parte del ministero dell’Interno e non anche altri componenti della Giunta. Dall’altra e soprattutto che, nonostante la stessa richiesta di incandidabilità avanzata dal ministero dell’Interno nei miei confronti, sia il Tribunale di Locri sia la Corte d’appello di Reggio Calabria hanno certificato la mia candidabilità, dichiarando ‘infondati tutti i motivi’ che mi venivano addebitati in relazione allo scioglimento del comune di Portigliola. Da ultimo, la Corte d’appello di Reggio Calabria, nel dichiarare completamente infondata l’istanza avanzata dal ministero dell’Interno nei miei confronti, ha condannando quest’ultimo a pagare le spese di giudizio». «Concludo ribadendo – afferma Luglio – che quanto rilevato dalla commissione parlamentare antimafia è una semplice segnalazione che non tiene in considerazione i pronunciamenti giudiziari successivi allo scioglimento prima richiamati che non ho alcuna difficoltà a rendere consultabili a chiunque volesse esaminarli. Nel tranquillizzare gli elettori del comune di Portigliola, ribadisco che non esiste alcuna preoccupazione per il corso delle elezioni né per l’esito delle stesse».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x