Ultimo aggiornamento alle 16:48
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

la rivelazione

‘Ndrangheta, la tesi “alternativa” sull’omicidio di Umberto Mormile

Lo scrive il gup di Milano Marta Pollicino nelle quasi 170 pagine di motivazioni della sentenza. L’educatore ucciso nel Milanese

Pubblicato il: 13/06/2024 – 14:26
‘Ndrangheta, la tesi “alternativa” sull’omicidio di Umberto Mormile

ROMA C’è una tesi “alternativa” sull’omicidio di Umberto Mormile, educatore del carcere di Opera ucciso dalla ‘ndrangheta nelle campagne di Carpiano, nel Milanese, l’11 aprile del 1990, ossia che venne ammazzato perché era “a conoscenza” dei rapporti tra la criminalità organizzata calabrese e i servizi segreti, in un contesto di “intreccio di poteri”, non è “irragionevole”, non è l’unica verità “possibile”, ma è “concretamente prospettabile”. Lo scrive il gup di Milano Marta Pollicino nelle quasi 170 pagine di motivazioni della sentenza del 15 marzo scorso con cui sono state inflitte altre due condanne, a distanza di quasi 34 anni dai fatti: 7 anni ai due collaboratori di giustizia Salvatore Pace e Vittorio Foschini, finiti imputati in seguito alla riapertura delle indagini voluta dai familiari di Mormile, fratello, sorella e figlia, col legale Fabio Repici.
Dalle motivazioni, che ripercorrono passo passo gli atti di numerosi processi del passato tra cui quello sulla cosiddetta “Ndrangheta stragista” e le dichiarazioni di numerosi collaboratori, viene a galla, in sostanza, una nuova “verità prospettabile”, rispetto a quella emersa con le condanne anni fa per l’omicidio di Mormile, già inflitte, tra gli altri, come mandanti ai boss della ‘ndrangheta Antonio Papalia, Franco Coco Trovato e Domenico Papalia. Mormile, infatti, ha messo a verbale un collaboratore, doveva essere ucciso, come riportato nelle motivazioni, perché “parlava troppo e perché era a conoscenza dei rapporti” che Domenico Papalia “aveva con i servizi segreti”. Per il gup, dunque, l’omicidio Mormile si potrebbe “collocare” proprio in questo “intreccio di poteri e di precari equilibri tra forze, solo apparentemente antitetiche”.

Il Corriere della Calabria è anche su WhatsApp. Basta cliccare qui per iscriverti al canale ed essere sempre aggiornato  

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x