Ultimo aggiornamento alle 17:19
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 4 minuti
Cambia colore:
 

il processo

‘Ndrangheta, Imponimento: il 19 giugno la sentenza per i 71 imputati – TUTTI I NOMI

A poco più di tre anni dall’inizio del processo e quattro dall’inchiesta, in settimana è atteso il verdetto per la cosca Anello-Fruci

Pubblicato il: 17/06/2024 – 7:15
di Giorgio Curcio
‘Ndrangheta, Imponimento: il 19 giugno la sentenza per i 71 imputati – TUTTI I NOMI

LAMEZIA TERME Volge ormai alla conclusione il processo “Imponimento”, nato dall’inchiesta della Distrettuale antimafia di Catanzaro, contro i presunti boss e gregari della cosca Anello-Fruci di Filadelfia, ma anche i Tripodi di Porto Salvo, i Lo Bianco-Barba di Vibo Valentia, i Cracolici di Maierato e i Bonavota di Sant’Onofrio. Il prossimo 19 giugno, infatti, è prevista la lettura del dispositivo di sentenza in aula bunker.
Dopo le richieste di condanna avanzate dal pm del pool antimafia, Antonio De Bernardo, davanti ai giudici del Tribunale collegiale di Vibo Valentia, è seguita infatti una lunga fase di repliche e memorie difensive, fino al ritiro in camera di consiglio dei giudici. Una svolta importante dopo quasi 3 anni di udienze tra l’aula bunker di Lamezia Terme e il Tribunale lametino dove sono stati ascoltati a decine tra teste, imputati e collaboratori di giustizia. Tra cui gli ultimi “pentiti” ovvero Onofrio Barbieri e Antonio Accorinti, in grado di fornire secondo l’accusa un «contributo in chiave associativa, rapporti tra la cosca Anello e gli imputati Stillitani Francescantonio, Stillitani Emanuele e Facciolo Antonio».

La requisitoria

Nel corso della requisitoria, il pm De Bernardo aveva parlato di un «potere esercitato nei territori di Filadelfia e Acconia, a ridosso del Lametino e con una tendenza naturale all’espansione a Pizzo e la zona industriale di Maierato, che la porta a convergere, fatalmente, con i Bonavota» e ha ripercorso la storia del clan la cui «incidenza criminale è legata alle linee di comando che portano al potere centrale alternativo ai Mancuso, ottenendo la legittimazione criminale dalla cosca Bellocco di Rosarno e da Umberto in particolare, in una idea di espansione della logica della ‘ndrangheta». Quella degli Anello, comunque, è per l’accusa «una cosca molto snella, efficiente. Poco attenta alle questioni rituali, perché la gestione di Rocco e Tommaso Anello è un approccio pratico che rispecchia anche le loro personalità».  

Gli imputati

Sono 71 gli imputati per i quali è attesa, dunque, la sentenza per il troncone ordinario. Pena più pesante invocata nei confronti di Tommaso Anello, fratello di Rocco Anello, entrambi considerati al vertice della cosca di ‘ndrangheta Anello-Fruci di Filadelfia: 30 anni. Chiesti invece 26 anni per Antonio Facciolo e 24 chiesti per Rocco Anello (cl. ’91). Condanna pesante invocata dal pm anche nei confronti dei due fratelli Emanuele e Francesco Antonio Stillitani: 21 anni a testa. L’ex assessore regionale ed ex sindaco di Pizzo e l’imprenditore sono accusati di concorso esterno in associazione mafiosa poiché Francesco Antonio, in particolare, avrebbe permesso alle cosche di inserirsi negli affari delle strutture turistiche che questi gestiva con il fratello Emanuele.

Le richieste:

  1. Anania Antonio: 21 anni;
  2. Anania Bruno Simone; 3 anni;
  3. Anania Giuseppe: 6 anni (6mila di multa);
  4. Anello Giovanni: 21 anni;
  5. Anello Giuseppe: 7 anni (7mila euro);
  6. Anello Roberto: 7 anni (7mila);
  7. Anello Rocco (cl. ’91): 24 anni;
  8. Anello Tommaso: 30 anni;
  9. Attisani Antonio (’71): 15 anni (15mila di multa);
  10. Attisani Antonio (’95): 3 anni;
  11. Bellissimo Nazzareno: 21 anni (27 mila euro di milta);
  12. Bertucci Giuseppe: 4 anni e 6 mesi (1.500);
  13. Bertucci Raffaele Mariano: 4 anni;
  14. Calabria Domenico: 4 anni e 6 mesi;
  15. Caridà Francesco: 20 anni;
  16. Cerra Antonio: 6 anni (3mila euro di multa);
  17. Ciancio Damiano: 4 anni e 6 mesi (1500 euro);
  18. Ciconte Domenico: 16 anni;
  19. Conidi Francesco: 12 anni;
  20. Contartese Salvatore: 4 anni e 6 mesi (1500 euro);
  21. Cortese Bruno: 2 anni;
  22. Cortese Francesco: 3 anni e 6 mesi (5000 euro);
  23. Cosmano Francesco: 8 anni (8mila euro);
  24. Crigna Francesco: 7 anni;
  25. Cutrullà Vincenzo: 18 anni;
  26. Defina Antonio: 4 anni e 6 mesi (1500 euro);
  27. Deodato Giovanni Damiano: 11 anni;
  28. Dominelli Andrea: 6 anni;
  29. D’Urso Gennaro: 3 anni (900 euro);
  30. Facciolo Antonio: 26 anni:
  31. Fabiano Giovanni: 12 anni;
  32. Fortuna Giuseppe: 10 anni (10 mila euro);
  33. Franzè Nazzareno: 4 anni e 6 mes (1500);
  34. Galati Mario: 2 anni;
  35. Gori Gaetano: 1 anno e 6 mesi;
  36. Grizzafi Teodoro: 6 anni e 6mila euro;
  37. Guzzo Ariosto: 8 anni (12 mila euro);
  38. Iozzo Giuseppe: 8 anni (3mila euro);
  39. Izzo Mario: 12 anni;
  40. Malta Domenico Paolo: 2 anni;
  41. Mazzotta Antonio: 4 anni e 6 mesi;
  42. Mazzotta Pasquale: 4 anni e 6 mesi (1500);
  43. Mercuri Giuseppe: 4 anni;
  44. Michienzi Maurizio: 16 anni;
  45. Monteleone Cosimo: 6 anni;
  46. Papa Alfredo: 7 anni;
  47. Perugino Francesco: 15 anni;
  48. Pilieci Salvatore: 2 anni;
  49. Pontieri Franco: 3 anni;
  50. Pugliese Rosario: 9 anni (9mila euro);
  51. Rizzo Michelino: 4 anni (1000 euro);
  52. Rondinelli Pasquale: 26 anni;
  53. Rondinelli Vincenzo: 18 anni;
  54. Ruggero Filippo: 9 anni (9mila euro);
  55. Ruscio Gaetano: 18 anni;
  56. Serratore Mario: 4 anni e 6 mesi (1500);
  57. Scordo Pasquale: 7 anni;
  58. Stillitani Emanuele: 21 anni;
  59. Stillitani Francesco Antonio: 21 anni
  60. Sisca Salvatore: 4 anni;
  61. Stuppia Maria Alfonsina: 3 anni (900 euro)
  62. Suriano Andrea Simone: 4 anni e 6 mesi;
  63. Tedesco Francesco Antonio: 18 anni;
  64. Teti Alessandro: 6 anni;
  65. Tonietti Giuseppe: 3 anni e 6 mesi (900);
  66. Tripodi Domenico: 12 anni (20mila euro)
  67. Verdelli Pietro: 12 anni;
  68. Vona Oreste: 4 anni e 6 mesi;
  69. Zungri Salvatore: 18 anni;
  70. Ruscio Domenico: 3 anni 6 mesi (5.000 euro di muta);
  71. Costantino Giuseppe: 15 anni.
Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x