Ultimo aggiornamento alle 22:02
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

alta tensione

Armi dalla Cina dirette in Libia, carico sequestrato nel porto di Gioia Tauro

Le forze dell’ordine italiane, in sinergia con gli Stati Uniti, avrebbero agito sulla Msc Arina. Sullo sfondo lo scontro Usa-Russia

Pubblicato il: 22/06/2024 – 14:07
Armi dalla Cina dirette in Libia, carico sequestrato nel porto di Gioia Tauro

LAMEZIA TERME L’operazione sarebbe avvenuta lo scorso 18 aprile. Obiettivo, la nave “Msc Arina”, grande mercantile approdato nello scalo portuale di Gioia Tauro, dopo essere partita da Yantian, un distretto portuale di Shenzhen, nella Cina meridionale. Il mercantile – come riporta il Corriere della Sera – aveva fatto tappa a Singapore, circumnavigato il Capo di Buona Speranza per evitare possibili attacchi ormai quotidiani che avvengono nel Mar Rosso e Suez, per poi entrare nel Mediterraneo, facendo scalo nei porti di Valencia e Barcellona. Nel frattempo, però, le “sirene” dell’intelligence hanno fatto il resto.

Il blitz in Calabria

Già perché, una volta arrivata in Calabria, le forze dell’ordine italiane hanno effettuato il sequestro. L’obiettivo, però, non era la nave ma il carico: armi per diversi milioni di euro. Secondo il Corriere, infatti, le autorità americane avrebbero deciso di far sequestrare il carico e avrebbero quindi chiesto agli alleati italiani di intervenire. Detto, fatto. Così la Msc Arina è ripartita ma il bottino no. Al momento non è chiaro di che tipo di armi o mezzi militari si tratti, forse droni armati.

Le tensioni nel Mediterraneo e lo scontro Usa-Russia

Ma a far comprendere la portata dell’operazione, e le possibili ripercussioni, è la destinazione del mercantile. Il punto di arrivo, secondo i forti sospetti degli stessi americani, sarebbe stato Bengasi, l’area della Libia attualmente controllata da Haftar e il suo “clan”, garantendo un punto di ingresso a grandi quantitativi di armi e migliaia di miliziani russi. Secondo le fonti di intelligence, infatti, è da tempo che ormai l’Occidente sospetta che proprio la Russia di Putina voglia costruire un proprio porto militare a Tobruk, nel territorio libico controllato da Haftar, proprio a ridosso del “fianco sud” della Nato dell’Unione Europea, e a strettissimo contatto con le flotte militari occidentali presenti nel Mediterraneo. Secondo il CorSera, infine, l’incidente di Gioia Tauro si collocherebbe sullo sfondo di un improvviso risvegliarsi della tensione sulla Libia fra Stati Uniti e Russia. (Gi.Cu.)

Il Corriere della Calabria è anche su WhatsApp. Basta cliccare qui per iscriverti al canale ed essere sempre aggiornato  

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x