Ultimo aggiornamento alle 16:48
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

la nota

Discarica di Scala Coeli, a un anno di distanza Legambiente chiede «trasparenza e giustizia»

Il 22 giugno 2023 grandi quantitativi di percolato si riversavano nel torrente Patia. L’appello dell’associazione alla Regione

Pubblicato il: 22/06/2024 – 19:19
Discarica di Scala Coeli, a un anno di distanza Legambiente chiede «trasparenza e giustizia»

«È trascorso esattamente un anno dal gravissimo episodio che ha interessato la discarica di Scala Coeli quando, il 22 giugno 2023, grandi quantitativi di percolato si sono riversati nel torrente Patia, affluente del fiume Nicà. Il gravissimo episodio, su cui insistono ancora le indagini delle Forze dell’ordine, è stato ampiamente documentato e ripreso dai media ed è stato oggetto di numerosi filmati, sopralluoghi ed interviste ai cittadini, rappresentanti politici ed amministratori locali. Un evento che tutti i cittadini ricordano molto bene, su cui è ancora aperto un procedimento giudiziario, ma che per molti è storia da dimenticare. Legambiente non dimentica e continua a chiedere sia trasparenza e giustizia che la risoluzione effettiva e definitiva degli enormi problemi generati da una discarica che non avrebbe mai dovuto essere realizzata». Lo scrive in una nota Legambiente Calabria a un anno di distanza dallo sversamento di percolato nel torrente Patia. «La tutela e la salvaguardia del territorio e della sua biodiversità, dei torrenti, del mare sono importantissimi per tutti i cittadini, ma anche per l’economia locale a partire dall’ agricoltura e dal turismo».

L’appello alla Regione

«Legambiente, a tutti i propri livelli associativi – dal circolo “Nicà” con il presidente Nicola Abruzzese, al regionale con la presidente Anna  Parretta ed al nazionale con il presidente Stefano Ciafani -nell’attendere con fiducia l’esito delle indagini da parte della Procura di Castrovillari, ribadisce la richiesta al Presidente della Regione Roberto Occhiuto affinché revochi definitivamente l’autorizzazione, decretando la chiusura del sito ed abbandoni realmente su tutto il territorio regionale la logica delle discariche. L’Associazione intera chiede che la verità e le responsabilità di questo gravissimo episodio siano portate presto alla luce. Questa triste storia lascerà comunque ed inevitabilmente un marchio negativo su un bellissimo lembo di terra calabrese, che non sarà più lo stesso.  Alcune ferite possono essere parzialmente sanate solo con la trasparenza, la legalità ed il rispetto che sono elementi fondamentali del vivere civile, con la punizione dei responsabili e con il ripristino ambientale. La bellezza e la sua salvaguardia non possono essere slogan o meri post pubblicitari.  La Calabria delle meraviglie, delle eccellenze, del patrimonio artistico culturale e naturalistico rischia di essere un mero spot pubblicitario se non viene perseguita, fino in fondo, una concreta azione politica-amministrativa mirata esclusivamente al benessere collettivo ed alla tutela ambientale come chiavi per salvare la biodiversità e con essa il futuro della Calabria».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x