Ultimo aggiornamento alle 16:41
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

la tragedia

Naufragio a Roccella, Irto: «L’Italia non può girarsi dall’altro lato lasciandoli morire in mare»

Il senatore dem ha partecipato alla veglia di preghiera della Diocesi di Locri-Gerace e della Caritas. «Silenzio assordante del governo»

Pubblicato il: 22/06/2024 – 21:08
Naufragio a Roccella, Irto: «L’Italia non può girarsi dall’altro lato lasciandoli morire in mare»

«Roccella Ionica come Cutro, l’ennesima tragedia umana che rende il Mediterraneo luogo di morte per uomini, donne e bambini in fuga da persecuzioni, conflitti, violenze, violazioni dei diritti umani. Un altro dramma su cui il Partito Democratico nazionale e regionale si interroga, nel silenzio generale, rispetto a quali interventi l’Italia avrebbe potuto mettere in campo davanti ad un naufragio per il quale, per cinque giorni, nessuno è intervenuto, lasciando in balia delle onde e della disperazione decine di persone e bambini». Lo scrive in una nota il Pd Calabria. «Un silenzio assordante su cui anche i media locali si interrogano e che il Partito Democratico della Calabria vuol contribuire a rompere, anche partecipando, rappresentato dal segretario, sen. Nicola Irto, alla veglia di preghiera organizzata questa sera dalla Diocesi di Locri-Gerace e dalla Caritas, proprio a Roccella Ionica».

L’intervento di Irto

«Le politiche migratorie della destra al Governo confermano l’indifferenza verso la componente umana del fenomeno – ha dichiarato il sen. Nicola Irto, a margine della veglia – noi riteniamo che non si possa prescindere, invece, dal considerare i motivi profondi per cui tanti esseri umani fuggono dalla loro terra -circa 130 milioni, secondo le ultime stime dell’UNHCR, i rifugiati nel mondo- spesso senza nemmeno la possibilità di portare con sé gli affetti più cari, obbligati a scappare per sfuggire a morte sicura. Si tratta di esseri umani che hanno come ultima opzione di vita il tentativo di attraversare il mare e ricostruire il proprio avvenire, l’Italia non può girarsi dall’altro lato lasciandoli morire in mare. Il Governo ha una posizione ideologica sul tema, portata avanti con il solo scopo di gettare un osso al proprio elettorato più estremista. La sensibilità della Chiesa e del vescovo Francesco Oliva, in questo specifico caso, sia da monito a tutti -ha concluso Irto- affinché si legiferi con più razionalità e umanità».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x