Ultimo aggiornamento alle 15:29
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

la tragedia in mare

Naufragio al largo di Roccella, a Crotone la “Diciotti” con 5 dei corpi recuperati

Il 16 giugno la segnalazione di Alarm Phone alla Guardia costiera, lo stesso giorno lanciato il messaggio e poi il via alle ricerche

Pubblicato il: 24/06/2024 – 22:06
Naufragio al largo di Roccella, a Crotone la “Diciotti” con 5 dei corpi recuperati

ROMA E’ arrivata in serata a Crotone la nave Diciotti con 5 dei corpi recuperati dopo il naufragio di una barca a vela a circa 120 miglia dalle coste calabresi nel mar Jonio, la settimana scorsa: ad oggi è di 35 corpi recuperati il tragico bilancio (qui l’ultimo aggiornamento dalla Prefettura di Reggio Calabria). Le salme saranno poi trasferite a Gioia Tauro.
Nel pomeriggio del 16 giugno – è la ricostruzione delle fasi del soccorso fornita all’Ansa dalla Guardia costiera – Alarm Phone ha comunicato con una email al Centro nazionale di coordinamento del soccorso in mare (Mrcc) della Guardia costiera di Roma di essere stato contattato da parenti di persone che si trovavano a bordo di un’imbarcazione in difficoltà, in navigazione nel mare Jonio. La segnalazione parlava di 67 persone a bordo, di cui 20 bambini, indicando come ultimo contatto la data del 13 giugno. Indicata anche una posizione della barca, riferita sempre al 13 giugno. Ricevuta quindi la segnalazione da Alarm Phone, lo stesso 16 giugno il Centro di coordinamento ha proceduto alle verifiche del caso ed alla trasmissione di un messaggio ‘circolare’, in cui richiedeva alle unità in navigazione in prossimità del punto indicato di prestare la massima attenzione e di contattare l’Mrcc in caso di avvistamento dell’imbarcazione segnalata.
Inoltre, la Guardia costiera ha disposto l’avvio delle operazioni di ricerca dirottando sull’area segnalata un mercantile che navigava nelle vicinanze, Contestualmente, ha inviato in zona una motovedetta classe 300 e, successivamente, anche un velivolo ‘Manta Atr 42. Le ricerche inizialmente hanno dato esito negativo. Nella notte tra il 16 e il 17 giugno è poi pervenuto al Centro di coordinamento il “mayday” lanciato da una nave francese, che aveva intercettato lungo la rotta la barca a vela semiaffondata, recuperando in quella fase 12 naufraghi. Una donna è morta durante le operazioni, i 13 sopravvissuti sono stati trasportati a Roccella Ionica. Le ricerche nell’area proseguono con sorvoli aerei. Le vittime accertate sono al momento 36, contando anche una donna, soccorsa insieme agli 11 sopravvissuti, ma morta subito dopo lo sbarco.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x