Ultimo aggiornamento alle 20:04
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 4 minuti
Cambia colore:
 

l’appuntamento

Torna in Calabria “ArteInVivo Festival”. A San Lucido la terza edizione della kermesse

Dal 22 luglio la perla del Tirreno vivrà una emozionante sei giorni tra arte, tradizioni, enogastronomia e natura

Pubblicato il: 08/07/2024 – 13:28
Torna in Calabria “ArteInVivo Festival”. A San Lucido la terza edizione della kermesse

SAN LUCIDO Un movimento che mette le persone in contatto direttamente con l’arte, un’esperienza attraverso la quale vivere esperienze indimenticabili. Dopo il successo delle edizioni passate torna in Calabria dal 22 al 27 luglio “ArteInVivo Festival 2024”, sei giorni di arte, spettacoli, concerti, corsi specialistici, laboratori enogastronomici e naturali a San Lucido, la perla del Tirreno, sulla costa cosentina. Un festival Innovativo, dove artisti e viaggiatori si incontrano in un modo autentico in una unicità di tempo e di luogo. Durante la settimana workshop e percorsi didattici originali si intrecciano con la dolce vita, il mare cristallino e l’enogastronomia fatta di eccellenze territoriali. Tutte le sere spettacoli e feste permettono di vivere in modo leggero e profondo l’arte e la cultura. Una vacanza esperienziale e culturale unica nel suo genere.
ArteInVivo, con il sostegno della Oficina Cultural y Científica de la Embajada de España, non è solo un festival ma un’esperienza culturale dove turismo e viaggio non sono sinonimi. A fare la differenza sono il carico di emozioni e le esperienze che si possono praticare sul luogo attraverso una partecipazione diretta alle tradizioni artistiche, culturali e artigianali. L’obiettivo è diffondere un nuovo turismo dinamico e valoriale, anche attraverso l’integrazione tecnologica, come dirette streaming e allestimenti ecosostenibili in videomapping.
«AreInVivo è un modo per vivere il turismo in modo diverso scoprendo i mestieri dello spettacolo e l’artigianato artistico, rendendoli più accessibili, sostenibili e ricollegando le comunità perdute. Una delle nostre arti ispiratrici è il flamenco» ha detto Sophie Ravel, ceo di ArteInVivo.

Progetto nato dall’intuizione di tre donne

ArteInVivo Festival, patrocinato dalla Pro Loco e dal Comune di San Lucido, è un progetto globale, nato dall’intuizione di tre donne, Loredana RuggieriFrancesca Stocchi e Sophie Ravel, che nel 2021 hanno creato una startup per un nuovo format di sviluppo turistico sostenibile in Italia e nel mondo, partendo da San Lucido. Proprio quest’anno, inoltre, ArteInVivo è il primo evento in Calabria ad ottenere l’attestato Ecoactions di Legambiente per le iniziative a basso impatto ambientale.
«Durante la pianificazione e l’organizzazione del nostro evento, abbiamo fatto importanti passi per ridurre il nostro impatto sull’ambiente e promuovere valori sociali. Siamo entusiaste di condividere con i nostri partecipanti le attività sostenibili che abbiamo intrapreso per ottenere l’attestazione Ecoactions di Legambiente»,ha spiegato Sophie Ravel.

Il Flamenco

Come ogni anno il flamenco sarà tra i protagonisti assoluti del festival. Guest star dell’edizione 2024 è Manuel Liñán, un artista talmente radicato nel flamenco che trasuda purezza in ogni suo gesto, ma spinge la danza in un punto insolito tra genialità e semplicità che insieme alla sua incessante ricerca, lo colloca tra i maggiori esponenti dell’avanguardia flamenca. Non mancheranno, poi, le masterclass di chitarra flamenca di Manuel Montero, di cajon con Francesco Perrotta, i laboratori di baile e cante con Vicente GeloVirginia Veltri e dell’artista Manuela Baldassarri con un corso di improvvisazione tra cante e baile. Da segnalare il 22 luglio lo spettacolo a ingresso libero Pinceladas, mentre il 24 luglio sono in programma il concorso di sevillanas e la sfilata di moda flamenca.

Le tradizioni

Tornano i coinvolgenti laboratori della tradizione come quello sulla tarantella ‘alla lucitana’ con Francesco De Luca Telemare e Pasquale Nesci e quello sui ‘Suoni nel vicolo’ con i cantori Gianluca Zammarelli ed Alessandro Sessa, organizzato in collaborazione con l’associazione culturale la Tavernetta Letteraria. In programma anche i corsi di ceramica a cura di Milena Cosentino. Perché San Lucido è un comune montano ma ha una ricca tradizione che va dalla montagna fino al mare, proposta in questa occasione in forma quasi inedita, un tuffo nella cultura più profonda del paese e nei rituali tipici della zona del tirreno cosentino.

L’enogastronomia


Torna anche quest’anno il percorso enogastronomico, un intero  pomeriggio dedicato ai  sapori della montagna sanlucidana a cura dello chef di Agriarmonia, Giovanni Mannarino. I partecipanti impareranno i segreti dei ‘lagani’ alla calabrese, una pasta tipica del luogo citata anche dal poeta latino Orazio nelle sue Satire, e a cucinare la frittata alle melanzane, uno sformato senza uova della tradizione sanlucidana.

Natura


Diversi anche gli appuntamenti da vivere in simbiosi con il territorio ed il suo ambiente naturale. Per gli amanti dello yoga c’è la possibilità di praticare il metodo lyengar sulla spiaggia con Valentina Guerrieri e Francesco Ricagno.

Il Corriere della Calabria è anche su Whatsapp. Basta cliccare qui per iscriverti al canale ed essere sempre aggiornato

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x