Ultimo aggiornamento alle 23:08
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

Rimpasto, Scopelliti trova posto per Arena, Ferro e Dima

LAMEZIA TERME Ancora poche ore e il rimpasto in giunta regionale sarà un fatto compiuto. Peppe Scopelliti è partito per Roma (oggi lo attende la periodica riunione del “tavolo Massicci” chiamato a …

Pubblicato il: 08/04/2013 – 11:47
Rimpasto, Scopelliti trova posto per Arena, Ferro e Dima

LAMEZIA TERME Ancora poche ore e il rimpasto in giunta regionale sarà un fatto compiuto. Peppe Scopelliti è partito per Roma (oggi lo attende la periodica riunione del “tavolo Massicci” chiamato a verificare la corretta attuazione del Piano di rientro dal debito sanitario) con le idee abbastanza chiare. Nel weekend appena trascorso ha messo ulteriormente a punto i tasselli di un mosaico che, seppur a fatica, inizia a prendere forma.
Partiamo dalle certezze: sono pronti a fare il loro ingresso nell`esecutivo l`ex sindaco di Reggio Calabria Demetrio Arena e il presidente della Provincia di Catanzaro Wanda Ferro. I due andranno a sostituire (non con le stesse deleghe) i dimissionari Piero Aiello e Antonio Caridi. Dovrebbe esserci spazio anche per Giovanni Dima. L`ex aennino, vittima illustre del Porcellum, potrebbe occupare il posto di sottosegretario (per lui sono in pressing il segretario del Pdl Angelino Alfano e il sindaco di Roma Gianni Alemanno) detenuto fino a questo momento dal repubblicano Franco Torchia. Paga, Torchia, il fatto che il Pri, dopo l`arresto di Antonio Rappoccio, sia rimasto senza rappresentanti in consiglio regionale. Non bastasse, contro di lui sono arrivati gli strali del gruppo “Insieme per la Calabria” (per intenderci, quello di Giulio Serra e Aurelio Chizzoniti), che va ripetendo di non sentirsi rappresentato da Torchia.
Il contemporaneo ingresso nella squadra di governo di Arena, Ferro e Dima pone, però, il problema degli esterni. Che, secondo lo Statuto, non possono essere più di quattro oltre ai sottosegretari. Facendo un attimo due conti, si capisce bene che non ci sarebbe spazio per tutti. Da qui la necessità di interrompere la collaborazione con uno degli attuali tre assessori esterni. A fare le spese potrebbe essere il titolare della delega alla Cultura e alla Ricerca, Mario Caligiuri. Sarebbe proprio il coordinatore regionale del movimento “Scopelliti Presidente” il sacrificato per portare a termine questa operazione di maquillage dell`esecutivo.
Il discorso fin qui portato avanti interessa molto da vicino anche l`Udc perché, in queste condizioni, diventerebbe impossibile un ingresso di Roberto Occhiuto. L`ultima casella rimasta disponibile andrà sì ai centristi, ma al capogruppo Alfonso Dattolo. Sul suo nome si è espresso in maniera favorevole l`intera pattuglia dello Scudocrociato che opera a Palazzo Campanella. Occhiuto, comunque, non demorde e spera nella capacità di mediazione di Pier Ferdinando Casini. È l`ex presidente della Camera che sta spingendo fortemente su Scopelliti per far rientrare il suo fedelissimo, dopo l`esclusione dal Parlamento, nel giro della politica attiva. E non è escluso che durante la trasferta romana, il governatore non trovi il tempo per un briefing con l`(ex?) leader dell`Udc. (0030)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano

Concessionario Basic Media Servizi Srl

Telefono: 0984-391711
Cellulare: 351 8568553
Email: info@basicms.it

Design: cfweb

x

x