Ultimo aggiornamento alle 23:15
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

L’ok del Senato: «Il Tribunale di Rossano resti aperto»

LAMEZIA TERME Dal Senato arrivano nuove speranze per il mantenimento in vita del Tribunale di Rossano Calabro. La commissione Giustizia di Palazzo Madama (l`unico calabrese presente nell`organismo …

Pubblicato il: 03/12/2013 – 19:02
L’ok del Senato: «Il Tribunale di Rossano resti aperto»

LAMEZIA TERME Dal Senato arrivano nuove speranze per il mantenimento in vita del Tribunale di Rossano Calabro. La commissione Giustizia di Palazzo Madama (l`unico calabrese presente nell`organismo è Nico D`Ascola di Nuovo centrodestra) ha infatti approvato ieri all`unanimità un parere sul decreto relativo alla riorganizzazione della geografia giudiziaria in cui viene chiesto, tra le altre cose, che il Tribunale della città jonica continui a esercitare le proprie funzioni. Nei prossimi giorni è atteso un analogo passaggio nella commissione Giustizia della Camera. Dopodiché i due pareri arriveranno sulla scrivania del ministro di Giustizia Cancellieri che dovrà firmare i correttivi e portarli all`approvazione del Consiglio dei ministri. Nel documento, i senatori non mancano di evidenziare al ministro Cancellieri la loro profonda delusione per non aver accettato la richiesta di proroga di entrata in vigore del decreto 155, impostato e voluto dall’ex Guardasigilli Paola Severino, per chiarire aspetti e circostanze meritevoli di doverosi approfondimenti e correttivi. Secondo la commissione Giustizia del Senato, la soppressione del Tribunale di Rossano (in realtà quest`emendamento è frutto del senatore del Psi Enrico Buemi) «la soppressione va in palese violazione delle “Linee guida sulla revisione della geografia giudiziaria per favorire le condizioni di accesso ad un sistema giudiziario di qualità”, redatte il 21 giugno 2013 dalla Commissione europea per l’efficienza della giustizia (Cepej) del Consiglio d’Europa, visto che la distanza da Castrovillari è di 60 chilometri da Rossano (con punte di distanza, da altri comuni del circondario, superiori ai 100 chilometri), con solo una strada statale assai disagevole (paradossalmente, Cosenza è più facilmente raggiungibile) e senza mezzi pubblici di collegamento né reti ferroviarie».
«A meno di clamorose sorprese – commenta il socialista Buemi -, entro pochi giorni il testo verrà consegnato al ministro Cancellieri che a suo tempo aveva promesso di far partire immediatamente l`iter per un provvedimento correttivo».

IL “SI`” AL REFERENDUM ABROGATIVO Nelle scorse settimane l`ufficio referendum della Cassazione aveva dichiarato, dopo la richiesta avanzata da nove consigli regionali, l`ammissibilità di una consultazione popolare per l`abrogazione della riforma che riordina gli uffici giudiziari. Ora la parola passa alla Corte costituzionale per un ulteriore vaglio. La norma, voluta dal governo Monti, aveva previsto la riduzione e l’accorpamento di 37 Tribunali sui 165 esistenti, di 38 Procure e la soppressione di tutte le 220 sezioni distaccate di Tribunale. Il decreto puntava a ottenere risparmi di spesa pari a oltre 2 milioni per il 2012, oltre 17 milioni 337mila per il 2013 e poco meno di 32 milioni per il 2014. Seguirono clamorose proteste, tra cui quelle di Rossano. E non è ancora detto che alla fine si siano rivelate vane.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x