Ultimo aggiornamento alle 22:56
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

MAFIA DELLA FRUTTA | San Francesco "in processione" dal boss

PETILIA POLICASTRO La statua di San Francesco di Paola, in occasione della festa, si fermava nel frantoio di Vincenzo Manfreda, il presunto boss di Petilia Policastro ucciso in un agguato il 24 mar…

Pubblicato il: 21/05/2014 – 22:00
MAFIA DELLA FRUTTA | San Francesco "in processione" dal boss

PETILIA POLICASTRO La statua di San Francesco di Paola, in occasione della festa, si fermava nel frantoio di Vincenzo Manfreda, il presunto boss di Petilia Policastro ucciso in un agguato il 24 marzo 2012. Il particolare emerge dalle indagini dei carabinieri di Crotone, coordinate dalla Dda di Catanzaro, che hanno portato a 19 fermi. Quando la statua era nel frantoio veniva organizzato un banchetto per onorare il Santo. Gli inquirenti ritengono che il tutto avveniva per indicare che Manfreda era il capo della cosca.  
«Entrate dentro, entrate dentro e festeggiamo il santo». Furono queste le parole pronunciate da Vincenzo Manfreda per fare in modo che la processione di San Francesco di Paola si fermasse nel suo frantoio. All’interno dell’attività commerciale fu preparato un buffet a base di vino, bibite e panini in modo da festeggiare il Santo. Mentre all’interno del frantoio avvenivano i festeggiamenti, la processione era bloccata ed attendeva la fine del buffet per riprendere il percorso e poi arrivare in chiesa. La sosta della statua, secondo gli inquirenti della Dda di Catanzaro, era fatta allo scopo di «ottenere la benedizione del luogo simbolo della cosca della ‘ndrangheta». I magistrati hanno acquisito il programma della processione dalla quale è emerso che non era prevista la sosta davanti al frantoio di Manfreda. Dalle indagini è poi emerso, secondo i magistrati, che il presunto boss avrebbe costretto a effettuare la sosta davanti alla sua attività per dimostrare il «potere egemone» della cosca. Il frantoio di Manfreda, inoltre, è ritenuto dagli investigatori il luogo dove gli uomini della cosca si incontravano per decidere gli “affari” tra cui anche la gestione assoluta del mercato dell’uva e delle castagne. La sosta provocò l’arrivo in ritardo della statua di San Francesco di Paola nella chiesa dove c’erano centinaia di devoti che attendevano l’inizio della funzione religiosa per la festa del santo. (0040)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb