Ultimo aggiornamento alle 22:35
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Truffe alle assicurazioni. Coinvolti anche calabresi

SALERNO Una serie di truffe ai danni delle assicurazioni per un importo superiore ai 500mila euro è stata scoperta dai carabinieri di Amalfi che hanno notificato 30 misure cautelari ad altrett…

Pubblicato il: 28/05/2014 – 22:00
Truffe alle assicurazioni. Coinvolti anche calabresi

SALERNO Una serie di truffe ai danni delle assicurazioni per un importo superiore ai 500mila euro è stata scoperta dai carabinieri di Amalfi che hanno notificato 30 misure cautelari ad altrettante persone in Campania, Basilicata e Calabria. Tra gli indagati vi sono anche due avvocati e un medico. Otto persone sono state poste agli arresti ai domiciliari, a venti sono state notificati provvedimenti con obblighi di dimora e a due divieti dell’attività professionale legale. Le ordinanze sono state emesse dal gip del Tribunale di Salerno a conclusione delle indagini coordinate dalla Procura della città campana. Al vaglio dell’autorità giudiziaria anche la posizione di altre 46 persone.

COINVOLTE PERSONE RESIDENTI NEL COSENTINO
Incidenti stradali costruiti a tavolino o, se avvenuti, effettuati in modalità diverse rispetto alla realtà. È quanto viene contestato alle 30 persone che dovranno rispondere di associazione per delinquere finalizzata alle truffe assicurative. Le 30 persone coinvolte, per le quali è scattata la misura cautelare, hanno quasi tutti legami familiari tra loro e risiedono nell’Agro Nocerino sarnese, in particolare a Pagani (Salerno). Gli incidenti si verificavano per lo più sulla strada provinciale che collega il valico di Chiunzi, nel Salernitano, a Ravello e a Maiori. Gli inquirenti si sono insospettiti per il fatto che erano sempre le stesse persone ad essere coinvolte negli incidenti e a chiedere i rimborsi alle compagnie assicurative, attraverso due avvocati per i quali è scattato il divieto di esercitare la professione e a certificati fasulli di un compiacente medico. Quattro obblighi di dimora sono stati eseguiti a Luzzi, in provincia di Cosenza, mentre una delle persone finite ai domiciliari è stata bloccata dai carabinieri in Basilicata. Si tratta di un uomo di Nocera Inferiore (Salerno).

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x