Ultimo aggiornamento alle 15:16
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 5 minuti
Cambia colore:
 

Processo Shark, reggono le accuse

LOCRI Fatta eccezione per l’ex presidente del Locri calcio, condannato in primo grado a nove anni di reclusione e quasi clamorosamente assolto in appello, regge il castello accusatorio del processo…

Pubblicato il: 17/07/2014 – 6:31
Processo Shark, reggono le accuse

LOCRI Fatta eccezione per l’ex presidente del Locri calcio, condannato in primo grado a nove anni di reclusione e quasi clamorosamente assolto in appello, regge il castello accusatorio del processo Shark, scaturito dall’inchiesta che ha svelato il giro di usura gestito dal clan Cordì a Locri, per lungo tempo protetto dal silenzio delle stesse vittime. La Corte d’appello ha infatti sostanzialmente accolto le richieste della pubblica accusa, superando l’assoluzione rimediata in primo grado dal boss Salvatore Cordì, riconosciuto colpevole di associazione mafiosa, ma condannato a quattro mesi di isolamento diurno, perché per i giudici il reato è da considerare in continuazione con la condanna in precedenza rimediata nel procedimento Primavera. Aumenta la pena per Rocco Aversa, condannato a 5 anni e 6 mesi di carcere più 15mila euro di multa, al posto dei 4 anni e 8 mesi inflitti dal Tribunale di Locri, mentre incassano una lieve diminuzione della condanna ricevuta, Gerardo Guastella punito con 16 anni, 6 mesi e 7 mila e 580 euro di multa invece che con 18 anni e sei mesi di carcere come disposto dai giudici di Locri, e Antonio Bonavita condannato a 8 anni e 5 mesi di carcere, più una multa di 16 mila euro, in luogo dei 12 anni incassati in primo grado. Oltre all’assoluzione di Vincenzo Cecere, chiesta dallo stesso pg, i giudici hanno assolto da ogni accusa Rocco Iennaro che in primo grado era stato condannato a 2 anni e 8 mesi, ma soprattutto l’ex presidente del Locri calcio, Pasquale D’Ettore, per il quale la Corte ha chiesto però la trasmissione degli atti in Procura perché vengano valutate altre ipotesi di reato. Confermata infine dai giudici d’Appello la condanna a 2 anni e 6 mesi di carcere per Fabio Modafferi e i 2 anni di reclusione per Franco Maiorana.  Al centro dell’inchiesta era finito il regno di sopraffazione e omertà imposto dal clan Cordì, sul quale aveva aperto una breccia le denunce di due imprenditori finiti nella morsa dell’usura, Rocco Rispoli e Luca Rodinò, le cui rivelazioni hanno permesso a inquirenti e investigatori di ricostruire la rete del potente clan della Locride. Ma l’indagine, che si è avvalsa anche delle dichiarazioni di due pentiti, Carmelo Novella e Bruno Piccolo, non si è limitata a svelare il giro di usura gestito dalla cosca, ma ha anche confermato che il clan Cordì continua a dettare legge a Locri, dove rimane dominus indiscusso non solo delle estorsioni a piccole e grandi realtà commerciali, ma anche degli appalti pubblici. L’ospizio, il palazzetto dello sport e la scuola magistrale – è emerso nel corso dell’istruttoria – sarebbero finiti in mano agli uomini dei Cordì che, taglieggiando la ditta aggiudicataria, o accaparrandosi direttamente o in sub-appalto i lavori commissionati. Un quadro confermato dalla valanga di condanne rimediate dagli imputati tanto nel procedimento con rito abbreviato come in quello ordinario – oggi giunto in appello – ma da cui si era salvato proprio Salvatore Giuseppe Cordì, considerato al vertice dell’omonimo clan, ma in passato graziato dall’accusa di associazione mafiosa. Per i giudici di primo grado, infatti, Cordì andava assolto perché, nonostante la fitta corrispondenza con picciotti e gregari del clan rimasti fuori dal carcere, non ci sarebbe stato «alcun comportamento materiale che possa essere apprezzato, se non come attivo contributo alla vita dell’associazione, come affermazione all’esterno della disponibilità a continuare a contribuire agli scopi della cosca nell’eventualità della scarcerazione». Un’impostazione duramente contestata dalla pubblica accusa che, proprio sulla base delle missive spedite dal carcere e delle contestuali intercettazioni, ha ricostruito non solo quello che considera il ruolo di vertice di Cordì, ma anche la strategia sviluppata dal clan dal 2010 in poi, quando la tregua con i Cataldo si sarebbe cementata nella comune manipolazione delle prove nei procedimenti in corso. I clan avrebbero infatti concordato di negare in sede processuale qualsiasi elemento che corroborasse la tesi della faida, ricostruita dalla Dda reggina. Un prezzo troppo alto da pagare per le due consorterie, così come per le altre ‘ndrine della zona i cui affari venivano disturbati dalle pressanti attenzioni degli inquirenti, messi sull’avviso dalla lunga scia di sangue che ha interessato la Locride. Per questo, dopo decenni di omicidi, cosche storicamente rivali come i Cataldo e i Cordì avrebbero deciso di scendere a patti. Per questo avrebbero chiesto a Domenico Oppedisano di scagionare gli autori dell’omicidio di Salvatore Cordì, per il quale Antonio Cataldo – considerato il capo indiscusso dello schieramento avversario – era stato individuato come mandante. Un’incomprensibile «infamità» – come la definirà lo stesso Oppedisano interrogato dai pm – che lo indurrà a decidere di collaborare. Ma nel medesimo solco si inserirebbe anche l’altrimenti incomprensibile cartolina di auguri che Salvatore Cordì proprio nello stesso periodo invia a Tommaso Costa, considerato boss dell’omonimo clan, storico alleato dei Cataldo. Per i pm una prova dell’avvenuta pacificazione, che lo stesso Cordì avrebbe comunicato a tutte le consorterie coinvolte nella guerra che ha insanguinato Locri e Siderno, ma anche una prova del suo ruolo di boss. (0090)

 

Alessia Candito

a.candito@corrierecal.it

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria

Concessionario Basic Media Servizi Srl

Telefono: 0984-391711
Cellulare: 351 8568553
Email: info@basicms.it

Design: cfweb

x

x