Ultimo aggiornamento alle 22:42
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 1 minuto
Cambia colore:
 

Confail: perché non mandano a casa dirigenti e giornalisti senza titoli?

“È giusto che il dottor Carlo Calabrò chieda ai consiglieri regionali, sulla base della relazione Mosella, di assumere personale esterno qualificato. Meno giusto è che lo stesso segretario gen…

Pubblicato il: 17/02/2015 – 19:55

“È giusto che il dottor Carlo Calabrò chieda ai consiglieri regionali, sulla base della relazione Mosella, di assumere personale esterno qualificato. Meno giusto è che lo stesso segretario generale prenda solo ciò che gli conviene dalla medesima relazione. È suo dovere licenziare il personale illegittimo assunto senza concorso, ma Calabrò fino ad ora è stato in religioso silenzio”. Lo afferma, in una nota, il segretario generale Confail, Claudio Giannini. 
“Perché? Perché – aggiunge – la massima autorità burocratica del consiglio regionale utilizza a suo piacimento la relazione Mef? Perché non manda a casa dirigenti e giornalisti senza titoli che costano milioni di euro annui? Lo sa Calabrò che se queste cose dovessero risultare vere egli rischierebbe di pagare un danno erariale cospicuo? Lo sa che i vecchi amministratori della Camera di commercio di Cosenza sono stati condannati a rifondere l’erario di 80 mila euro per una semplice consulenza legale? E che accadrà alla Regione se la Corte dei conti riterrà valida la relazione Mosella?”. 

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x