Ultimo aggiornamento alle 19:03
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Milito: «No alle commistioni nelle Affruntate»

OPPIDO MAMERTINA Le processioni dovranno svolgersi in un clima di «austerità, di silenzio e di preghiera». È quanto scritto nella guida per le celebrazioni, i pii esercizi e le processioni della se…

Pubblicato il: 16/03/2015 – 12:03
Milito: «No alle commistioni nelle Affruntate»

OPPIDO MAMERTINA Le processioni dovranno svolgersi in un clima di «austerità, di silenzio e di preghiera». È quanto scritto nella guida per le celebrazioni, i pii esercizi e le processioni della settimana Santa nella Diocesi di Oppido Mamertina-Palmi. Il vescovo di Oppido, mons. Francesco Milito, ha diffuso ieri la guida alle celebrazioni sbloccando le processioni per il periodo della Settimana santa. Il provvedimento è stato adottato dopo che l’anno scorso il presule aveva deciso di sospendere tutte le processioni a causa dell’inchino della statua della Madonna davanti all’abitazione del boss della ‘ndrangheta dei Mazzagatti. «Per tutte le processioni – si afferma ancora nella guida – vale la raccomandazione che il Direttorio fa per la processione del Cristo Morto: il clima sia di austerità, di silenzio e di preghiera. Si eviti, inoltre, di unire il pio esercizio della Via Crucis alle processioni». Mons. Milito, nelle sue conclusioni, evidenzia che «il documento, stilato come Guida-Direttorio, è espressione della sollecitudine pastorale che la Chiesa ha nei confronti dei propri fedeli. Auspichiamo perciò che la sua accoglienza sia serena e responsabile».
Durante la processione dell’incontro tra la Madonna con il Figlio risorto, chiamata comunemente “Affruntata”, bisogna evitare in tutti i modi eventuali «inappropriate commistioni». Al termine della processione, inoltre, le statue saranno «riportate nelle rispettive chiese per la via più breve».
«Nella nostra Diocesi – è scritto nel documento – è diffusa la tradizione dell’incontro della Madre con il Figlio risorto, comunemente chiamata Affruntata. Questa processione si svolga solo al mattino di Pasqua. Per questo pio esercizio vale l’osservazione fatta per la processione del Cristo morto: il suo svolgimento non deve assumere aspetti di maggiore rilevanza delle stesse celebrazioni liturgiche della domenica di Pasqua, né dare luogo ad inappropriate commistioni. Terminata l’Affruntata, le statue saranno riportate nelle rispettive chiese per la via più breve». Da alcune inchieste condotte dalle Dda di Reggio Calabria e Catanzaro è emerso, in passato, l’interesse degli esponenti della ‘ndrangheta proprio per la processione dell’Affruntata. In particolare, secondo una inchiesta della Dda di Catanzaro, è emerso che le cosche hanno particolare interesse al trasporto della statua di San Giovanni perché, nell’immaginario collettivo della criminalità organizzata e nella ricostruzione degli inquirenti, questa simboleggia la «detenzione del potere mafioso».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria

Concessionario Basic Media Servizi Srl

Telefono: 0984-391711
Cellulare: 351 8568553
Email: info@basicms.it

Design: cfweb

x

x