Ultimo aggiornamento alle 21:27
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

Catanzaro, rapina in supermercato: preso uno degli autori

CATANZARO È Francesco Carchidi, classe 1987, la persona tratta in arresto questa mattina dai carabinieri del nucleo investigativo di Catanzaro perché accusato di essere il responsabile della r…

Pubblicato il: 13/05/2015 – 7:11
Catanzaro, rapina in supermercato: preso uno degli autori

CATANZARO È Francesco Carchidi, classe 1987, la persona tratta in arresto questa mattina dai carabinieri del nucleo investigativo di Catanzaro perché accusato di essere il responsabile della rapina del 9 aprile scorso a un noto supermercato della città capoluogo.
L’uomo, residente nel Lametino, secondo la ricostruzione degli inquirenti che ha portato all’emanazione del mandato da parte del gip, avrebbe avuto il sostegno di alcuni cittadini catanzaresi di etnia rom grazie insieme ai quali, rubata un’auto qualche giorno prima del colpo, avrebbe agito.
Tre i complici accertati, tutti con un ruolo attivo nella rapina. Due di essi, pistole in mano, avrebbero partecipato assieme a Carchidi al colpo, il terzo attendeva in auto fuori dal supermercato.
Proprio su quest’ultimo, già individuato e già destinatario di un provvedimento di sorveglianza speciale per reati precedenti, si stanno concentrando le indagini per confermare definitivamente la tesi accusatoria e operare l’arresto.
Infine, durante la conferenza stampa di questa mattina, il procuratore aggiunto della Dda di Catanzaro, Giovanni Bombardieri, ha tenuto a specificare che il fatto non è collegato ad altri eventi criminosi in città, né alla criminalità organizzata.

È Francesco Carchidi, classe 1987, la persona tratta in arresto questa mattina dai carabinieri del nucleo investigativo di Catanzaro perché accusato di essere il responsabile della rapina del 9 aprile scorso a un noto supermercato della città capoluogo.
L’uomo, residente nel Lametino, secondo la ricostruzione degli inquirenti che ha portato all’emanazione del mandato da parte del gip, avrebbe avuto il sostegno di alcuni cittadini catanzaresi di etnia rom insieme ai quali, rubata un’auto qualche giorno prima del colpo, avrebbe agito.
Tre i complici accertati, tutti con un ruolo attivo nella rapina. Due di essi, pistole in mano, avrebbero partecipato assieme a Carchidi al colpo, il terzo attendeva in auto fuori dal supermercato.
Proprio su quest’ultimo, già individuato e già destinatario di un provvedimento di sorveglianza speciale per reati precedenti, si stanno concentrando le indagini per confermare definitivamente la tesi accusatoria e operare l’arresto.
Durante la conferenza stampa di questa mattina, il procuratore aggiunto della Dda di Catanzaro, Giovanni Bombardieri, ha tenuto a specificare che il fatto non è collegato ad altri eventi criminosi in città, né alla criminalità organizzata.

BOMBARDIERI: EPISODIO NON COLLEGATO AGLI ALTRI AVVENUTI IN CITTÀ

«Questa operazione – ha aggiunto – testimonia l’impegno della Procura e delle forze dell’ordine. Un impegno che non è mai venuto meno e che prosegue per altri episodi su cui stiamo indagando. La rapina per la quale abbiamo tratto in arresto Carchidi non è un episodio legato agli altri eventi avvenuti in città negli ultimi mesi, né è da collegare alla criminalità organizzata. Si tratta di una rapina fatta da quattro soggetti che l’hanno pianificata nei minimi dettagli. Tutti i soggetti entrati nel supermercato avevano con sé un’arma ed è questo un dato da tenere in considerazione».
Fondamentale nell’attività di indagine anche la collaborazione di un testimone che avrebbe descritto l’auto su cui la banda si era dileguata dopo il colpo: «Ha contato l’attenzione che i cittadini hanno manifestato alle indagini anziché voltarsi dall’altra parte – ha spiegato Bombardieri –. Ciò ha consentito di aggiungere elementi importanti alle indagini, sintomo che la collaborazione è alla base dei buoni e rapidi risultati che si possono raggiungere nell’attività investigativa”.
Ultima battuta, Bombardieri l’ha riservata alle indagini relative all’incendio del magazzino commerciale avvenuto pochi giorni fa a Catanzaro: «Stiamo lavorando ad alcune piste e, sebbene siano passati pochissimi giorni, contiamo di avere sviluppi a breve».

 

Alessandro Tarantino

a.tarantino@corrierecal.it

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x