Ultimo aggiornamento alle 11:05
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

Crollo PalaCalafiore, la F&P offre risarcimento alla famiglia dell'operaio ucciso

REGGIO CALABRIA È di trecentocinquantamila euro il risarcimento che la ditta F&P Group e il suo titolare Ferdinando Salzano, hanno proposto alla famiglia di Matteo Armellini, il giovane operaio…

Pubblicato il: 11/06/2015 – 18:22
Crollo PalaCalafiore, la F&P offre risarcimento alla famiglia dell'operaio ucciso

REGGIO CALABRIA È di trecentocinquantamila euro il risarcimento che la ditta F&P Group e il suo titolare Ferdinando Salzano, hanno proposto alla famiglia di Matteo Armellini, il giovane operaio morto nel rovinoso crollo del palco che stava montando a Reggio Calabria per il concerto di Laura Pausini. Una richiesta avanzata dall’imputato nel corso dell’udienza che lo vede alla sbarra a Reggio Calabria, insieme a Sandro Scalise, Franco Faggiotto, Pasquale Aumenta, Ferdinando Salzano, Maurizio Senese, Gianfranco Perri e al dirigente del Comune di Reggio Calabria Marcello Cammera, ma che stando a indiscrezioni la famiglia avrebbe intenzione di rispedire al mittente. Nel frattempo, a quasi sei mesi dal rinvio a giudizio, il dibattimento si appresta a entrare nel vivo. Già dal prossimo 9 luglio, in aula sfileranno gli agenti intervenuti al Palasport subito dopo il crollo, incaricati dei primi approfondimenti.
Per il pm Rosario Ferracane, il tragico incidente in cui ha perso la vita Armellini – stritolato dalle pesanti colonne metalliche che gli sono crollate addosso quando la struttura aerea che sovrastava il palco è crollata sulle gradinate – si deve a omissioni, imperizie e mancati controlli.
Colpevoli mancanze contestate in primo luogo alla F&P group srl, committente esclusiva dei lavori di allestimento del palco, poi materialmente affidati alla Italstage, uscita dal processo grazie al patteggiamento di una sanzione amministrativa di settamila euro.
Discorso diverso per il suo patron, Pasquale Aumenta, alla sbarra perché la sua società avrebbe proceduto con «negligenza, imprudenza, e imperizia» alla costruzione del palco, ma soprattutto in violazione delle norme sulla prevenzione degli infortuni. Insieme a lui, dovranno dunque rispondere in sede penale delle mancanze loro attribuite, sia la F&P group, sia il suo legale rappresentante, Ferdinando Salzano, accusato di aver proceduto alla nomina di un direttore dei lavori che non «da un lato rilevato i gravi errori e le evidenti omissioni presenti nell’elaborato redatto dall’ingegnere Franco Faggiotto, dall’altro lato vigilato sulla corretta esecuzione dell’opera».
Anche Faggiotto sarebbe autore di una progettazione errata e carente, perché «non teneva in considerazione la possibile presenza di forze orizzontali accidentali, l’eccessiva deformabilità della struttura metallica, non prevedeva che i piedi della struttura fossero zavorrati con blocchi di calcestruzzo, non teneva in considerazione la forte deformabilità elastica del piano di posa». Ma di fronte ai giudici dovrà presentarsi anche il patron della Esse Emme Musica che aveva organizzato il concerto, Maurizio Senese, e il coordinatore della sicurezza per l’esecuzione dei lavori di costruzione della struttura che la società, come committente dell’intero evento, aveva nominato Sandro Scalise. Ma di quel mortale incidente è chiamato a rispondere anche dirigente Marcello Cammera, accusato di omicidio colposo, all’epoca responsabile del settore progettazione ed esecuzione dei Lavori pubblici, che per la Procura avrebbe omesso di «adottare un provvedimento di inibizione all’inizio dei lavori di costruzione della struttura metallica all’interno del palazzetto, dopo la consegna dell’impianto, di immediata sospensione dei medesimi lavori, non segnalando inoltre il pericolo grave e imminente di un crollo (poi avvenuto) della costruenda struttura metallica ai soggetti a vario titolo nell’organizzazione e realizzazione dell’evento musicale e/o alle autorità amministrative competenti».

 

Alessia Candito

a.candito@corrierecal.it

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x