Ultimo aggiornamento alle 23:54
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Mangialavori: inaccettabile il depotenziamento di Gioia

REGGIO CALABRIA «È inaccettabile quanto si prospetta dai provvedimenti inclusi nei recenti decreti attuativi della riforma della pubblica amministrazione». È quanto afferma il consigliere regionale…

Pubblicato il: 15/01/2016 – 13:38
Mangialavori: inaccettabile il depotenziamento di Gioia

REGGIO CALABRIA «È inaccettabile quanto si prospetta dai provvedimenti inclusi nei recenti decreti attuativi della riforma della pubblica amministrazione». È quanto afferma il consigliere regionale della Casa delle libertà, Giuseppe Mangialavori. «Il riferimento – aggiunge – è alla riforma delle Autorità portuali – che da 24 verrebbero ridotte a 15 – e dalla quale la Calabria risulterebbe enormemente penalizzata. L’Autorità portuale di Gioia Tauro, infatti, sarebbe sostituita da quella “Mare Tirreno meridionale”. Attualmente, l’Autorità di Gioia Tauro include i seguenti porti: Gioia Tauro, Crotone porto vecchio e nuovo, Corigliano Calabro, Taureana di Palmi e Villa San Giovanni. E se l’idea di includervi anche i porti di Reggio Calabria e di Vibo Valentia va salutata con interesse, tutt’altro che accettabile, invece, è l’inclusione anche di quelli che insistono su Messina e Tremestieri. Naturalmente, tale considerazione esula da ogni argomentazione campanilistica e si fonda, unicamente, su una valutazione ponderata e oggettiva. La scelta del governo nazionale, infatti, se confermata, depotenzierebbe pesantemente il porto di Gioia Tauro e assesterebbe il colpo mortale a ogni progetto di crescita della Calabria. Proprio tale infrastruttura, infatti, rappresenta il fulcro e il motore propulsivo di una rinnovata politica di crescita della nostra regione. Con l’avviata riforma, l’autonomia organica e funzionale del porto di Gioia Tauro e quella del sistema portuale calabrese sarebbero irrimediabilmente compromesse. E anche i porti di Crotone e Corigliano Calabro patirebbero un vulnus nella loro vocazione crocieristica». «Il presidente Oliverio – chiede Mangialavori – intraprenda ogni azione volta a scongiurare un danno così rilevante per i calabresi. In caso contrario, ne tragga le dovute conseguenze. E il Pd regionale abbia un sussulto d’orgoglio e dia senso politico alla sua presenza in Parlamento. Oggi ho depositato una mozione proprio per impegnare il presidente e la giunta regionale della Calabria ad intraprendere ogni iniziativa politica e istituzionale, presso il governo Nazionale, affinché siano conseguiti i seguenti obiettivi: difesa dell’autonomia funzionale ed organica dell’ente Autorità portuale di Gioia Tauro nel quadro di una strategia politica di valorizzazione del sistema portuale calabrese; esclusione da detta Autorità di ogni sistema portuale estraneo ai confini regionali della Calabria».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x