Ultimo aggiornamento alle 16:40
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

Svolta nelle indagini: individuati gli aggressori di Carlo Iannuzzi

La Squadra omicidi di Buenos Aires ha trovato un nuovo video, registrato da una telecamera di sicurezza, che permette di ricostruire l’esatta dinamica dell’aggressione di cui è stato vittima il 27 …

Pubblicato il: 08/02/2016 – 16:15
Svolta nelle indagini: individuati gli aggressori di Carlo Iannuzzi

La Squadra omicidi di Buenos Aires ha trovato un nuovo video, registrato da una telecamera di sicurezza, che permette di ricostruire l’esatta dinamica dell’aggressione di cui è stato vittima il 27 novembre scorso Carlo Iannuzzi, 29enne originario di Roccella Jonica. Nel video, come si legge in un comunicato della famiglia Iannuzzi, si vede Carlo camminare con un ragazzo ed una ragazza su un marciapiede dove dormivano dei senzatetto. Ad un certo punto, il ragazzo si ferma a parlare con uno di questi mentre la ragazza continua a parlare con Carlo. Nel momento in cui questo ragazzo riprende a camminare, appena si avvicina a Carlo lo assale da dietro con un forte pugno alla testa. Carlo inizia a reagire ma si intuisce perfettamente che il colpo assestato inizialmente è quello che gli ha causato lo sfondamento della scatola cranica visto che inizia a barcollare in mezzo alla strada. Sia la ragazza che il ragazzo continuano a picchiarlo fino a quando Carlo resta incosciente in mezzo alla strada ed è li che gli rubano lo zaino e tutto quello di cui era in possesso. Nel video non si vedono perfettamente in faccia, ma la Omicidi ha spiccato un mandato di cattura per due soggetti che potrebbero corrispondere ai due malviventi. Si conferma quindi quanto già ipotizzato fin da subito: Carlo è caduto in un agguato, premeditato e portato a termine con inaudita ferocia e nell’indifferenza dei presenti.
«Come già abbiamo avuto modo di comunicare nell’immediatezza dell’intervento chirurgico del 2 febbraio scorso, siamo felici di confermare – scrive la famiglia Iannuzzi da Buenos Aires – che il decorso post-operatorio sta avendo esito positivo. La parte destra del cranio continua ad essere gonfia ma i medici assicurano che è normale visto l’intervento subito. In questi giorni Carlo non sta svolgendo attivitá física e/o motoria poiché soggetto ad un continuo mal di testa che lo porta ad un veloce affaticamento ma si pensa che da lunedí 8 possa riprendere regolarmente la riabilitazione. Siamo in attesa del controllo del 10 di febbraio per verificare lo stato clínico di Carlo e, se tutto andrá bene il 12 gli toglieranno i punti. Emotivamente – aggiungono i familiari del giovane – continua ad essere molto confuso anche se, nel guardare gli eventi, i video e le foto da voi pubblicate riacquista la forza e la voglia di lottare per ritornare in piena salute. A livello motorio, pur in presenza di quotidiani miglioramenti, continua ad avere problemi alla parte sinistra del corpo, continua ad essere una persona non autónoma e quindi necessita di un aiuto costante per qualsiasi tipo di esigenze, anche le più semplici».
Il Comitato “El Puente per Carlo” esorta le autorità dello Stato Italiano, già a conoscenza della vicenda, a chiedere alle autorità argentine che sia fatta piena luce sulla brutale aggressione. «Urge illuminare definitivamente di verità e giustizia – scrive il Comitato – il caso Iannuzzi. Già il prossimo 16 febbraio il capo del governo italiano è invitato a farsi portavoce di questa istanza in occasione della visita al presidente argentino Mauricio Macri. Il Comitato ribadisce l’esigenza di tutelare i cittadini italiani all’estero attraverso apposite procedure politico-istituzionali e adeguati strumenti normativi, al momento assenti o inefficaci. E proprio in questa ottica, alla luce di quanto accaduto in questi ultimi giorni, il Comitato rilancia sulla petizione “Libertà di movimento e tutele: un fondo di solidarietà per le vittime di reati all’estero” sottoscrivibile on-line su change.org e che punta a sbloccare una discussione parlamentare, ferma in una Commissione del Senato della Repubblica da oltre due anni».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x