Ultimo aggiornamento alle 21:56
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Referendum, la proposta di Corbelli: «Travaglio portavoce del No»

COSENZA «Il Movimento Diritti Civili, dopo avere costituito, tra i primi in Italia, un Comitato per il No al referendum costituzionale e iniziato ufficialmente sul proprio sito (www.diritticivili.i…

Pubblicato il: 27/05/2016 – 16:08
Referendum, la proposta di Corbelli: «Travaglio portavoce del No»

COSENZA «Il Movimento Diritti Civili, dopo avere costituito, tra i primi in Italia, un Comitato per il No al referendum costituzionale e iniziato ufficialmente sul proprio sito (www.diritticivili.it ) la campagna referendaria, rivolge a tutti i Comitati del No un appello per la costituzione di un coordinamento nazionale per una battaglia comune e per contrastare il vergognoso abuso della Rai, nazionale e regionale, che continua a fare, utilizzandola come suo megafono personale, il presidente del Consiglio, per ingannare gli italiani con la sua pericolosa riforma-obbrobrio della Costituzione». È quanto si afferma in un comunicato del movimento. Il leader di Diritti civili, Franco Corbelli, a tale proposito, propone di «nominare portavoce unico nazionale dei Comitati del No, espressione della società civile, un personaggio autorevole, popolare, credibile e coerente, un non politico, un indipendente assoluto da partiti e lobby: il giornalista Marco Travaglio, direttore de Il Fatto Quotidiano, che con il suo giornale è impegnato quotidianamente sul fronte referendum per denunciare tutte le bugie di Matteo Renzi e gli scandali della Rai e degli altri media completamente e vergognosamente asserviti al premier».
«Pur essendo, per la mia lunga storia garantista – afferma Corbelli – assai spesso in disaccordo con Travaglio sul tema della giustizia, ritengo che sia il personaggio ideale per rappresentare nei dibattiti e nelle manifestazioni, in tv e nel Paese, le ragioni del No in questa storica, aspra e impari, per lo strapotere istituzionale e mediatico del premier, che sconfina quasi nella illegalità, battaglia referendaria. Il mio auspicio è che ci si coordini, anche con i partiti schierati per il No, per vincere la difficile, importante, decisiva e storica battaglia referendaria di ottobre, per difendere non solo la nostra Costituzione ma il futuro democratico del nostro Paese, seriamente e concretamente minacciato da una subdola, ingannevole riforma costituzionale che rischia di consegnare l’Italia nelle mani di un uomo solo (oggi Renzi), con conseguenze drammatiche e nefaste per la democrazia, come ricorda e ammonisce la storia non solo italiana».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x