Ultimo aggiornamento alle 18:51
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Accoglienza, il modello Calabria studiato a Bruxelles

BRUXELLES Serve un’accoglienza “umana”, che parta dai piccoli comuni e che punti a sfruttare tutte le potenzialità che offre una vera integrazione. Lo dimostrano gli esempi portati a Bruxelles…

Pubblicato il: 25/06/2016 – 10:18
Accoglienza, il modello Calabria studiato a Bruxelles

BRUXELLES Serve un’accoglienza “umana”, che parta dai piccoli comuni e che punti a sfruttare tutte le potenzialità che offre una vera integrazione. Lo dimostrano gli esempi portati a Bruxelles dai sindaci di Riace, Acquaformosa e Carlopoli, invitati al Parlamento Ue dall’eurodeputato Pd Andrea Cozzolino. «È giusto mostrare qui qualcosa di concreto, per vedere se la politica europea può incontrare le esigenze del territorio – spiega Cozzolino –. Bisogna ascoltare e interpretare le domande dei territori che sono in prima linea, e accompagnarle poi con politiche nazionali ed europee. Questi sindaci sono qui proprio per fare in modo che il loro caso non resti isolato».
«Noi contrastiamo il sistema delle prefetture, che manda i migranti in albergo», spiega Giovanni Manoccio, vicesindaco Acquaformosa e responsabile per le politiche di migrazione della regione Calabria. «I nostri progetti infatti si svolgono tutti nei centri urbani, dando la possibilità ai migranti di integrarsi nella nostra comunità – continua – e poi è un modo per rispondere alla scommessa che riguarda tutto il meridione: lo spopolamento. Il metodo Riace è nato su queste considerazioni».
Nel profondo Sud dell’Italia sembra ancor più evidente la distanza fra politiche europee e territori. «A dire il vero, non sentiamo nemmeno la vicinanza del governo – ammette Mimmo Lucano, sindaco di Riace – ma nel silenzio generale abbiamo ovviato a molte incertezza del sistema italiano dell’accoglienza, anche in contesti drammatici. Non abbiamo ancora risolto nulla in maniera definitiva, ma stiamo portando avanti la nostra esperienza. Questo intreccio fa bene ai migranti ma fa bene anche a noi».
«Dobbiamo raccogliere la sfida e fare in modo che queste realtà abbiano il supporto dell’Europa – è l’appello di Cozzolino – ma servono risorse, politiche, investimenti, formazione per il personale». «Se parliamo di un’accoglienza umana ed efficace, e non di ghetti», chiosa Mario Talarico, sindaco di Carlopoli. All’evento a Bruxelles è intervenuto anche Gianni Pittella (Pd). È importante «trasformare aspetti che alcuni considerano negativi in positività», ha dichiarato, «perché strumentalizzare l’argomento delle migrazioni in maniera negativa» può portare anche a condizionare decisioni importanti, come quella sulla Brexit.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb