Ultimo aggiornamento alle 10:38
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Operazione "Laqueo", la difesa chiede la scarcerazione di Rango

COSENZA «Annullare la misura cautelare per Maurizio Rango perché inefficace». Lo ha detto al Tdl di Catanzaro l’avvocato Antonio Sanvito, difensore di Rango, ritenuto il capo del clan degli Zingari…

Pubblicato il: 29/09/2016 – 9:59
Operazione "Laqueo", la difesa chiede la scarcerazione di Rango

COSENZA «Annullare la misura cautelare per Maurizio Rango perché inefficace». Lo ha detto al Tdl di Catanzaro l’avvocato Antonio Sanvito, difensore di Rango, ritenuto il capo del clan degli Zingari di Cosenza, coinvolto nell’operazione “Laqueo”, nel corso della quale sono finite in manette 14 persone ritenute appartenenti alle ‘ndrine bruzie. Tra i 14 arrestati – accusati a vario titolo, di usura, estorsione e tentato omicidio – c’è anche il calciatore professionista Francesco Modesto. Giovedì mattina si è discussa l’udienza davanti al Tribunale della libertà. L’avvocato Sanvito ha evidenziato al giudice Valea «la retrodatazione e l’inefficacia della misura cautelare emessa lo scorso 31 agosto». Una richiesta che non ha trovato d’accordo la Dda. Secondo le indagini Rango avrebbe costretto un imprenditore ad assumerlo. È accaduto nel 2009 e l’imprenditore Francesco Cannella lo racconta ai magistrati il 15 maggio del 2013: aveva bisogno di un lavoro per «ragioni di giustizia». Il Tdl si è riservato di decidere sulla eventuale scarcerazione.
Cannella, convocato dagli inquirenti, racconta le pressioni subite per assumere Rango che una persona gli presentò indicandolo come «un criminale» per cui – spiega Cannella – «mi faceva capire che non potevo rifiutarmi di assumerlo. Per questa ragione lo assumevo. Rango mi diceva che gli serviva solo l’assunzione, mi diceva che non avrebbe lavorato ma che, comunque, non avrebbe preteso di essere pagato. Mi diceva pure che con lui, presso il mio ufficio, non avrei avuto nessun tipo di pressione estorsiva». Quindi – a suo dire – Rango sarebbe stata una “garanzia”. Gli investigatori cercano e trovano riscontri alle dichiarazioni dell’imprenditore. Ed effettivamente Maurizio Rango tra il 2008 e il 2009 risultava aver percepito redditi in quanto assunto nella società di cui era socio lo stesso Cannella. Il Tdl si è riservato di decidere.

Mirella Molinaro
m.molinaro@corrierecal.it

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria

Concessionario Basic Media Servizi Srl

Telefono: 0984-391711
Cellulare: 351 8568553
Email: info@basicms.it

Design: cfweb

x

x