Ultimo aggiornamento alle 23:34
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Clan e politica a Lamezia, Ruberto chiede di essere interrogato

LAMEZIA TERME Domani mattina gli avvocati di Pasqualino Ruberto formalizzeranno alla Procura della Repubblica di Catanzaro richiesta di interrogatorio. Con una nota i legali Mario Murone e Giusepp…

Pubblicato il: 24/05/2017 – 19:32
Clan e politica a Lamezia, Ruberto chiede di essere interrogato

LAMEZIA TERME Domani mattina gli avvocati di Pasqualino Ruberto formalizzeranno alla Procura della Repubblica di Catanzaro richiesta di interrogatorio. Con una nota i legali Mario Murone e Giuseppe Spinelli specificano che il loro assistito «intende immediatamente interloquire con gli inquirenti, e così spiegare direttamente le ragioni per le quali nessun profilo di responsabilità o colpa può essere a lui ascritto in relazione ai fatti che gli sono stati contestati nell’avviso di garanzia». L’avviso di garanzia è stato notificato ieri all’ex consigliere comunale di Lamezia Terme in seguito all’operazione “Crisalide” che ha portato al fermo di 52 persone considerate legate alla cosca “Cerra-Torcasio-Gualtieri”. Nelle more dell’indagine Crisalide sarebbero emersi legami tra ambienti politici e criminalità organizzata.
Tre le persone per le quali gli inquirenti ipotizzano il concorso esterno perché avrebbero ricevuto l’appoggio della cosca durante le ultime amministrative: oltre a Ruberto ci sono anche Giuseppe Paladino (dimessosi mercoledì dalla carica di consigliere comunale, nonché di vicepresidente del consiglio) e suo padre Giovanni.
«Il dottor Pasqualino Ruberto chiarirà ogni aspetto della vicenda, confidando che la notoria professionalità e scrupolosità della autorità giudiziaria saprà prontamente valutare la portata delle sue dichiarazioni e determinarsi per una celere definizione favorevole del caso – prosegue la nota –. L’incontro del dottor Ruberto con i magistrati si rende oltremodo necessario, dal momento che l’avviso di garanzia fa leva in via esclusiva su un supporto intercettivo che non lo vede mai protagonista, ma solo come soggetto meramente evocato da terzi, con affermazioni destituite di fondamento, fatto questo che purtroppo, forse inevitabilmente ha dato la stura ad interpretazioni degli eventi che finiscono per tratteggiarne la figura umana, politica e professionale in modo assolutamente fallace e per questo da lui francamente non accettabile. Parallelamente il dottor Ruberto ha dato mandato ai suoi legali per valutare la possibilità di intraprendere iniziative nei confronti di tutti coloro che hanno speso impropriamente il suo nome». (aletru)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x