Ultimo aggiornamento alle 19:18
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Asse calabrese del narcotraffico, condannati i vertici Solimano-Abbruzzese

La corte d’appello di Catanzaro conferma le pene per gli imputati del processo nato dall’operazione “Gentleman”

Pubblicato il: 24/04/2018 – 19:05
Asse calabrese del narcotraffico, condannati i vertici Solimano-Abbruzzese

CATANZARO Confermata anche in Appello la sentenza di primo grado, con rito abbreviato, del processo denominato “Gentleman” dall’operazione della Dda di Catanzaro scattata l’11 marzo 2015 ed eseguita in Calabria, Puglia, Basilicata, Piemonte, Emilia-Romagna e Lombardia dalla Guardia di finanza del capoluogo, portando all’arresto di 32 persone con l’accusa di traffico internazionale di droga. Solo una condanna è stata riformata dalla corte presieduta dal giudice Anna Maria Saullo: Francesco Maiolo ha avuto ridotta la pena da 3 a 2 anni di reclusione.
Restano confermate le condanne per Antonio Abbruzzese, 8 anni; Luigi Abbruzzese, 20 anni; Angelo Salvatore Andracchi, 7 anni ed 8 mesi; Marino Belfiore, 3 anni e 4 mesi; 10 anni e 8 mesi, Alfonso Brandimarte, Danilo Ferraro, 5 anni e 4 mesi; Antonio Giorgio Floro, 4 anni; Vincenzo Fuscaldo, 6 anni; Salvatore Ginese, 9 anni e 4 mesi; Dilaver Hajdini, 16 anni e 8 mesi di reclusione; Antionio Malagrinò, 4 anni; Antonio Pavone, 11 anni e 4 mesi; Sabino Pedone, 1 anno; Domenico Pellegrini, 1 anno; Pedro Juan Petrusic, 4 anni e 5 mesi; Francesco Policastri, 8 anni e 8 mesi; Leonardo Policastri, 4 anni; Gerardo Schettino (ex carabiniere di Scanzano Jonico), 10 anni; Giambattista Serio, 2 anni e 4 mesi ; Fisnik Smajlaj, 15 anni e 4 mesi; Filippo Solimando, 20 anni; Giacomo Solimando, 11 anni; Massimiliano Valente, 6 anni; Cosimo Schiavelli, 10 anni; Ermini Cerchiara, assolta; Francesco Abbruzzese, assolto; Rocco Anello, assolto. Vaduta in primo grado l’accusa di associazione mafiosa, gli imputati sono, a vario titolo, accusati di associazione finalizzata al traffico di stupefacenti, traffico di armi, vari episodi di importazione di stupefacente dall’Albania, dall’Olanda e dal Sud America e anche scambio di armi e droga. Secondo le indagini a capo dei gruppi criminali vi erano Filippo Solimano e Luigi Abbruzzese, rispettivamente per il “locale” di Corigliano e la ‘ndrina degli zingari di Cassano. Nel collegio difensivo, tra gli altri, gli avvocati Saverio Loiero, Vittoria Aversa, Sergio Rotundo, Angela Greco.

Alessia Truzzolillo
a.truzzolillo@corrierecal.it

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x