Ultimo aggiornamento alle 23:37
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 1 minuto
Cambia colore:
 

Vibonese morto in carcere, i familiari chiedono un'inchiesta

Il 30enne Cosimo Caglioti, condannato per l’omicidio che diede il via alla faida tra i Patania e i “Piscopisani”, è deceduto nel penitenziario di Secondigliano

Pubblicato il: 24/05/2018 – 15:05
Vibonese morto in carcere, i familiari chiedono un'inchiesta

VIBO VALENTIA I familiari di Cosimo Caglioti hanno chiesto l’apertura di un’inchiesta che faccia piena luce sul decesso del loro congiunto. Caglioti, 30enne di Sant’Angelo di Gerocarne, nel Vibonese, morto nel carcere di Secondigliano, a Napoli, è stato condannato in primo e secondo grado a 30 anni di reclusione per l’omicidio dell’agricoltore Michele Mario Fiorillo che, nel settembre 2011, diede il via alla faida fra la cosca Patania di Stefanaconi ed il clan dei “Piscopisani”. Il 30enne, in attesa del pronunciamento della Cassazione, era detenuto dal 2012 ed era stato trasferito dal carcere di Cosenza a quello di Secondigliano.
I difensori di Caglioti, Luca Cianferoni e Enzo Galeota, avevano avanzato un’istanza di scarcerazione per motivi di salute che era tuttora pendente. Attraverso gli avvocati i familiari del 30enne hanno chiesto l’apertura di un’inchiesta affinché si possa procedere all’autopsia e fare luce sui motivi della morte.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x