Ultimo aggiornamento alle 9:24
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 1 minuto
Cambia colore:
 

Una condanna e due assoluzioni per l'omicidio di Acquaro

Diciotto anni di reclusione per Alessandro Ciancio, reo confesso del delitto. Assolti il padre Cosimo e il fratello Giuseppe a fronte di una richiesta di 24 e 22 anni. Rosario Mazza venne ucciso il…

Pubblicato il: 18/07/2018 – 9:37
Una condanna e due assoluzioni per l'omicidio di Acquaro

VIBO VALENTIA Una condanna e due assoluzioni. Questa la sentenza del gup del Tribunale di Vibo Valentia, al termine del processo con rito abbreviato, per l’omicidio del giovane Rosario Mazza, di appena 22 anni, avvenuto a Piani di Acquaro, nel Vibonese il 19 gennaio 2017 per un semplice sguardo all’interno di un bar ed uno spintone. Per Alessandro Ciancio, esecutore reo confesso del delitto, la condanna è di 18 anni di reclusione. Per il padre Cosimo Ciancio e l’altro figlio Giuseppe Ciancio, è stata decisa invece l’assoluzione a fronte di richieste di condanna a 24 e 22 anni. Rosario Mazza lavorava come aiuto cuoco in un ristorante ed in occasione dell’omicidio è rimasto ferito il fratello Simone che, vedendo il fratello Rosario cadere a terra, ha implorato pietà chiedendo di essere risparmiato dai colpi d’arma da fuoco. Alessandro Ciancio però non si sarebbe fermato esplodendo più colpi anche all’indirizzo del secondo giovane che è riuscito tuttavia a salvarsi.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x