Ultimo aggiornamento alle 16:15
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

Misiti è il “Paperone” dei parlamentari calabresi, Siclari il più "povero"

Tutte le dichiarazioni dei redditi pubblicate sui siti di Camera e Senato. E il sovranista Salvini investe in un fondo “lussemburghese” nato grazie alle regole finanziarie volute dall’Europa. Orric…

Pubblicato il: 02/01/2019 – 21:14
Misiti è il “Paperone” dei parlamentari calabresi, Siclari il più "povero"

Non è il più ricco tra i parlamentari calabresi, anzi forse non è più un parlamentare calabrese (ve lo abbiamo raccontato qui): il ministro dell’Interno Matteo Salvini ha dichiarato per il 2017 un reddito di circa 13mila euro. Uno dei più bassi tra i colleghi eletti in Regione. Si rifà con qualche partecipazione societaria: in A2A, Acea ed Enel. E poi nella BG Selection, Sicav (società di investimento a capitale variabile) di diritto lussemburghese. Il ministro sovranista antieuro è a proprio agio nei marchingegni che incarnano l’essenza stessa dell’Europa della finanza (spesso contrapposta all’Europa dei popoli proprio dalla propaganda sovranista): queste società, infatti, sono state introdotte nel nostro ordinamento per attuare una direttiva europea. Senza i “cattivi” burocrati di Bruxelles, dunque, Salvini si sarebbe dovuto rivolgere altrove per i propri investimenti. Una parte dei prodotti finanziari di BG Selection, poi, è gestita direttamente da BG Fund Management Luxembourg S.A., di proprietà di Banca Generali ma con sede legale in Lussemburgo. Di nuovo, nel cuore dell’Europa dei tecnocrati.
Il più “ricco” dei calabresi è il deputato-medico Carmelo Massimo Misiti, con 241mila euro di reddito lordo a cui vanno aggiunte quote in tre società. Il “Paperone” dei senatori è Giuseppe Mangialavori, con 192mila euro. Non tutti, però, hanno dichiarato la propria situazione patrimoniale. Sono “non pervenuti” il deputato e coordinatore regionale della Lega Domenico Furgiuele, i cinquestelle Paolo Parentela e Riccardo Tucci, il fondatore di Leu Nico Stumpo. Niente documenti anche per l’ex ministro dell’Interno Marco Minniti. Non pubblica il proprio reddito neppure Elisa Scutellà (che fornisce, però, la documentazione patrimoniale).
ORRICO (M5S): «I MIEI DATI SONO PARZIALI» In merito ai redditi pubblicati sul sito della Camera interviene, per una precisazione, la parlamentare del M5S Anna Laura Orrico: «In relazione a quanto apparso sul sito della Camera dei deputati – dice – concernente la dichiarazione dei redditi e la situazione patrimoniale dei parlamentari, voglio precisare che i dati forniti attualmente, e che mi riguardano, sono incompleti.Per una mera questione di tempistica, infatti, questi, sono da considerarsi parziali. Dati che verranno aggiornati a breve, già nella prossima settimana».(ppp)
Carmelo Massimo Misiti 241.891 euro
Giuseppe Mangiavalori 192.582 euro
Roberto Occhiuto 105.927 euro
Ernesto Magorno 105.411 euro
Enza Bruno Bossio 98.959 euro
Federica Dieni 98.471 euro
Dalila Nesci 98.471 euro
Nicola Morra 96.548 euro
Antonio Viscomi 85.491 euro
Francesco Cannizzaro 79.408 euro
Elisabetta Maria Barbuto 59.841 euro
Maria Tripodi 35.543 euro
Bianca Laura Granato 27.783 euro
Gelsomina Vono 26.878 euro
Giuseppe Auddino 26.019 euro
Rosa Silvana Abate 18.270 euro
Alessandro Melicchio 16.121 euro
Francesco Forciniti 4.773 euro
Giuseppe D’Ippolito 4.560 euro
Margherita Corrado 4.381 euro
Francesco Sapia 3.193 euro
Anna Laura Orrico 1.431 euro
Marco Siclari -12.014 euro

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x