Ultimo aggiornamento alle 23:30
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Parentela e d'Ippolito: «No all'ampliamento dell'inceneritore di Marcellinara»

I due parlamentari M5S si rivolgono al ministro Costa. «Quella dei rifiuti bruciati in questi impianti è una questione di interesse nazionale»

Pubblicato il: 30/07/2019 – 8:38
Parentela e d'Ippolito: «No all'ampliamento dell'inceneritore di Marcellinara»

MARCELLINARA Con un’interrogazione al ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, i deputati M5S Paolo Parentela e Giuseppe d’Ippolito sono tornati sull’ampliamento della capacità di valorizzazione energetica del Css nel cementificio di Marcellinara (Catanzaro). «Si tratta – precisano i parlamentari in una nota – di una questione di interesse nazionale, di una battaglia storica del Movimento 5 Stelle. In Italia sono 69 i cementifici interessati. Le norme vigenti, risalenti ai governi Monti e Renzi, consentono di bruciare rifiuti in questi impianti». I deputati hanno dunque chiesto al ministro Costa «quali iniziative di competenza intenda assumere per modificare la specifica normativa e in ogni caso a tutela dell’ambiente e della salute pubblica», nonché «quali proposte di modifiche normative siano finora giunte dal preposto organo di monitoraggio e quali informazioni, circa la produzione e l’utilizzo del Css-combustibile, esso abbia finora portato a conoscenza del pubblico». Con riferimento all’inceneritore di Marcellinara, nella stessa interrogazione è ricordato che «il 18 giugno 2019 detto ampliamento riceveva dalla STV parere di compatibilità ambientale e tecnico favorevole per il rilascio dell’Aia»; che «per conferenza dei servizi decisoria la Regione convocava, per lo scorso 10 luglio, poi rinviata a breve, tutti i soggetti interessati rispetto al riferito provvedimento autorizzatorio»; che «l’8 maggio scorso la Corte europea di Giustizia si è espressa censurando pesantemente il decreto Sblocca Italia del 2014, che prevede una spropositata rete di inceneritori, definiti “insediamenti strategici di preminente interesse nazionale”, sottratta a ogni regola di comune cautela e in particolare ad unavalutazione ambientale (Vas) degli effetti, da attuarsi prima della loro costruzione (o dell’ampliamento di quelli esistenti)». Da tempo Parentela e D’Ippolito hanno assunto una posizione contraria verso questo ampliamento, condividendo peraltro le osservazioni presentate dal Comune di Marcellinara e dal comitato civico locale.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x