Ultimo aggiornamento alle 9:51
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Coronavirus, Falcomatà: «Iniziate le attività di sanificazione degli uffici pubblici»

Il sindaco di Reggio rende che, in sinergia con l’Università Mediterranea, si sta procedendo a tutte le cautele per mettere in sicurezza i locali pubblici. «Auguro una pronta guarigione al prof. Zi…

Pubblicato il: 07/03/2020 – 17:48
Coronavirus, Falcomatà: «Iniziate le attività di sanificazione degli uffici pubblici»

REGGIO CALABRIA «Sono iniziate ieri le attività di sanificazione degli uffici pubblici e, a seguire, si procederà con le scuole della città. Sento di ringraziare l’Università Mediterranea ed il Magnifico rettore Marcello Zimbone per averci fornito i prodotti idonei alle attività di igienizzazione». Lo rende noto Giuseppe Falcomatà, sindaco di Reggio, sui suoi canali social.
«Approfitto per fare gli auguri di pronta guarigione al prof. Zimbalatti. Caro prof ne usciremo presto; la città è con te, al netto di quei pochi stupidi che hanno fatto circolare la tua foto come fossi un fuorilegge. Sono convinto che non accadrà più. E la comunità reggina – sottolinea – si stringe anche intorno a tutti coloro che in questo momento stanno combattendo il virus: forza!»
Il primo cittadino aggiunge poi che «lunedì avremo un’ulteriore riunione con i vertici del Grande Ospedale Metropolitano e dell’Asp per monitorare la situazione e tenerci pronti qualora, speriamo di no, la situazione dovesse peggiorare. Il personale medico e paramedico del nostro ospedale sta lavorando senza sosta, ogni giorno, per garantire al meglio il diritto alla salute, insieme ai responsabili della sicurezza e della protezione civile».
«Al contempo – sostiene Falcomatà – stiamo lavorando con le associazioni di categoria per contenere i danni che stanno subendo i nostri imprenditori e lavorare per proporre al governo nazionale soluzioni per rilanciare l’economia reggina». In conclusione, aggiunge: «Il Dpcm ci prescrive alcune regole che dovremo seguire per qualche tempo, come ad esempio evitare luoghi in cui non possano rispettarsi le distanze di sicurezza. Ciò non significa smettere di vivere, anzi. Significa solo stare più attenti per evitare che i nostri anziani, i nostri malati, le persone più deboli possano contagiarsi. Facciamo qualche sacrificio in più oggi per tornare a riabbracciarci il più presto possibile».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb