Ultimo aggiornamento alle 13:27
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 1 minuto
Cambia colore:
 

'Ndrangheta e coronavirus, processo "Aemilia": gli imputati invocano gli arresti domiciliari

Dall’esplosione dell’emergenza il numero delle istanze è cresciuto notevolmente. L’appello, in corso nell’aula bunker del carcere bolognese della Dozza, è attualmente sospeso

Pubblicato il: 22/03/2020 – 9:44
'Ndrangheta e coronavirus, processo "Aemilia": gli imputati invocano gli arresti domiciliari

BOLOGNA Da quando è iniziata l’emergenza contagio da coronavirus, sono ulteriormente cresciute le istanze di detenuti che personalmente, o attraverso i propri difensori, inoltrano istanze per ottenere gli arresti domiciliari invocando il rischio Coronavirus. Non sono poche le richieste in tal senso arrivate nei giorni scorsi dagli imputati del processo di ‘Ndrangheta ‘Aemilia’, condannati a pene pesanti in primo grado. L’appello, in corso nell’aula bunker del carcere bolognese della Dozza, è attualmente sospeso. La ripresa delle udienze è prevista il 9 aprile, ma resta un’incognita sugli effettivi tempi. A inizio dibattimento la Procura Generale (con i sostituti pg Valter Giovannini, Lucia Musti e Luciana Cicerchia) aveva chiesto la proroga della custodia cautelare vista la complessità del processo, che ha circa 150 imputati e moltissime parti civili.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb

x

x