Ultimo aggiornamento alle 19:44
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

Ponte sullo Stretto, le priorità di Cancelleri: «Prima sblocchiamo 100 miliardi»

Il viceministro dei Trasporti: «Il mezzogiorno ha il primato per le infrastrutture più obsolete. Rimettiamo in moto l’Italia e poi, prometto, inizierò a discutere anch’io della questione». La repli…

Pubblicato il: 01/06/2020 – 16:25
Ponte sullo Stretto, le priorità di Cancelleri: «Prima sblocchiamo 100 miliardi»

ROMA «Oggi, tornare a parlare di ponte sullo Stretto di Messina, con decine di milioni di euro già stanziati per opere infrastrutturali immediatamente cantierabili, ma impantanati nei meandri della burocrazia, rischia di diventare l’ennesima burla per il meridione e per l’Italia intera». Il viceministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Giancarlo Cancelleri, commenta così le notizie di questi giorni che vedono il ponte sullo Stretto tornato protagonista nel dibattito pubblico.
«In questo momento – continua Cancelleri – preferisco concentrarmi sulle cose che possono dare immediate risposte al Paese. Non voglio farmi distrarre da discorsi che, se pur affascinati, soprattutto in questo momento storico, rischiano di sembrare utopistici o, nella peggiore delle ipotesi, delle prese in giro».
«Il Mezzogiorno ha il primato per le infrastrutture più obsolete – prosegue il viceministro – pensiamo subito a mettere in sicurezza i ponti, le gallerie, le strade esistenti e a realizzare le opere già finanziate ma bloccate dalla farraginosa burocrazia. Stiamo parlando di oltre 100 miliardi di euro da poter spendere immediatamente. Sblocchiamo questi soldi, rimettiamo in moto l’Italia e poi, prometto, inizierò a discutere anch’io del ponte sullo Stretto».
LA FAVOLA NERA DEL PONTE SULLO STRETTO «In un periodo in cui si parla molto di aiuti alla cultura e al turismo, duramente provati dalle conseguenze della pandemia, il Ministro al ramo non trova di meglio che riesumare la favola nera del ponte sullo Stretto per porsi al centro della scena ma sviare l’attenzione dalle risposte fin qui non adeguate alle necessità del settore». Lo afferma la sen. Margherita Corrado (M5S), membro delle commissioni cd. Cultura e Antimafia, sottolineando anche come l’esternazione dell’on. Franceschini sia caduta in un momento a dir poco infelice: «Un assist non solo ad altri politici navigati e sensibili alle sirene (omeriche) del mega-progetto edilizio che fa girare miliardi, trasversale agli schieramenti tradizionali, ma anche a quell’altro monstrum, la criminalità organizzata, che, come il Procuratore Bombardieri ha dichiarato solo qualche giorno prima, si è letteralmente mangiato l’edilizia (pubblica e privata), in Calabria e in tutto il Mezzogiorno. La ‘ndrangheta ringrazia – chiosa la parlamentare pentastellata – e scriverà anche il nome del Ministro nel libro dei benemeriti, consci o ingenui che siano. Nel frattempo, prospera e raggiunge nuove vette l’idea delle professioni culturali come premio a se stesse. In Umbria, infatti, il Comune di Deruta (PG) ha deciso, allo scopo dichiarato di valorizzare il proprio circuito museale, di affidare l’incarico di direttore scientifico del celebre Museo Regionale della Ceramica, nato nel 1898, e della Pinacoteca civica mediante un bando di selezione comparativa per titoli e colloquio, pubblicato il 28 maggio, teso ad identificare una figura professionale specializzata in materia». «Ottimo, si dirà: un giusto riconoscimento tributato alle competenze. Le funzioni da affidare, declinate in ben 12 punti, con un carico di responsabilità non irrilevante, sono definite di natura tecnico-scientifica altamente qualificata, tant’è che in assenza di personale comunale in possesso di titoli di studio e abilitazioni specifiche in ambito museale e storico-artistico il Comune deve ricorrere all’esterno». «Peccato – conclude la Corrado – che l’incarico, triennale, sia conferito a titolo gratuito, salvo rimborso delle spese strettamente attinenti al suo svolgimento. Coraggio, colleghi esperti di cultura materiale e storici dell’arte: l’occasione è di quelle da non perdere e senza dubbio il Ministro, nelle pause della costruzione del ponte, non mancherà di lodare il vostro eroico sacrificio per il bene della cultura!».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb