Ultimo aggiornamento alle 23:33
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Il centrodestra non retrocede di un millimetro: «Si vota il 14 febbraio»

Vertice pre-natalizio in Cittadella: la maggioranza a confronto su precari ex legge 12, seduta del Consiglio con la sessione di bilancio il 29 dicembre e data delle Regionali

Pubblicato il: 22/12/2020 – 20:06
Il centrodestra non retrocede di un millimetro: «Si vota il 14 febbraio»

CATANZARO Nessun rinvio: il 14 febbraio è un dogma e come tale non si tocca. Il centrodestra fa quadrato e non retrocede di un millimetro dalla sua posizione: le Regionali si dovranno tenere il giorno di San Valentino, per come disposto con decreto dal presidente facente funzioni della Giunta Nino Spirlì in ossequio al “range” temporale assegnatogli dal governo nazionale. La maggioranza ribadisce la sua linea nel corso di un vertice tenuto oggi pomeriggio alla Cittadella: un incontro a metà strada tra il conviviale – gli auguri di buon Natale – e l’operativo. Secondo quanto si è appreso da fonti del centrodestra, al centro della riunione ci sarebbero stati vari punti, dalla problematica dei precari ex legge 12 (si starebbe lavorando per individuare un percorso anche normativo che sia irreprensibile sul piano tecnico, e un percorso condiviso anche con la minoranza sul piano politico) per arrivare alla preparazione della prossima seduta del Consiglio regionale, in programma il 29 dicembre e dedicata alla sessione di bilancio. Inevitabile il passaggio sul tema delle elezioni regionali: al momento la coalizione risente dell'”impasse” romano, nel senso che anche i consiglieri regionali sono im attesa di determinazioni del tavolo nazionale, che finora non ha aperto, o comunque approfondito, la pratica Calabria. Ma sul tema della data delle Regionali ci si è di nuovo confrontati, ribadendo  quanto già emerso in queste ultime ore: il voto del 14 febbraio non si discute a meno che – è il ragionamento del centrodestra in estrema e brutale sintesi – il governo “d’imperio” non decida diversamente, nel quale caso la maggioranza, com’è ovvio, ne prenderebbe asoslutamente atto. Insomma, nessuno slittamento delle elezioni e nessun dietrofront, da parte del centrodestra, che lamenta l’ambiguità del centrosinistra e del Movimento 5 Stelle, che a dire della maggioranza pretenderebbero in modo strumentale dalla Regione quello che invece dovrebbe fare il governo giallorosso.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria

Concessionario Basic Media Servizi Srl

Telefono: 0984-391711
Cellulare: 351 8568553
Email: info@basicms.it

Design: cfweb

x

x