Ultimo aggiornamento alle 2:22
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

Il cordoglio

Addio al partigiano "Malerba". Ad aprile la telefonata di Mattarella

È morto a 99 anni a Samo, Pasquale Brancatisano. In piena pandemia, lo scorso 25 aprile, la chiamata inaspettata del Presidente della Repubblica. Il messaggio di Falcomatà: «Lo ricorderemo per semp…

Pubblicato il: 30/01/2021 – 20:21
Addio al partigiano "Malerba". Ad aprile la telefonata di Mattarella

REGGIO CALABRIA A 99 anni è morto a Samo, nella Locride, Pasquale Brancatisano, il partigiano “Malerba” che lo scorso aprile aveva ricevuto la telefonata del presidente della Repubblica Mattarella. In piena pandemia, infatti, il capo dello Stato lo aveva chiamato in occasione della festa della Liberazione sottolineando il suo coraggio e il suo valore. Una telefonata inaspettata, dopo che al Quirinale era stato visto un videomessaggio in cui il partigiano “Malerba” aveva definito il 25 aprile «una festa importante». «È un giorno storico per l’Italia, – aveva detto Brancatisano – ha reso l’Italia libera e democratica e le ha donato pace, libertà, cultura, benessere e diritti dell’uomo». Nelle settimane del lockdown imposto dalla pandemia, decise di girare il video in cui definì Mattarella un «presidente che merita, mi piace e ha la capacità di guidare l’Italia in questa fase difficile. Per questo gli ho inviato il video, perché pensavo fosse giusto farlo. E lo avrei fatto anche se non ci fosse questa emergenza».
IL MESSAGGIO Quel messaggio al capo dello Stato e la telefonata di ringraziamento di Mattarella, consentirono a Brancatisano di essere, nel 2020, il “partigiano più famoso d’Italia”.  «Ero nelle Langhe, – aveva ricordato nel video – le conosco punta per punta, le abbiamo girate diverse volte. Mi piacerebbe che facessero un monumento per le nuove generazioni, che sappiano chi erano i partigiani e cosa hanno fatto per l’Italia. La prima domenica di maggio del 1945 in corso centrale a Torino sfilammo centomila uomini e i cittadini gettavano fiori e battevano le mani e gridando ad alta voce ‘viva i partigiani’ e ‘viva l’Italia libera’»

IL RICORDO DI FALCOMATA’ «Il partigiano Malerba, Pasquale Brancatisano, ci ha lasciati. All’età di 99 anni uno dei testimoni calabresi della resistenza al nazifascismo si è spento questa mattina nella sua casa di Samo. A nome mio e dell’intera comunità metropolitana esprimo i più profondi sentimenti di cordoglio alla sua famiglia e a tutta la comunità dell’Anpi di Reggio Calabria». È quanto afferma in una nota il sindaco Metropolitano di Reggio Calabria Giuseppe Falcomatà.«Orgoglioso – prosegue – di averlo conosciuto, di aver ascoltato la sua storia, di aver potuto stringere le sue mani. Pasquale Brancatisano era uno dei pochissimi protagonisti calabresi ancora in vita della resistenza al nazifascismo. Aveva poco più di vent’anni quando, nel 1943, decise di lasciare l’esercito per aderire alla brigata partigiana Garibaldi. Tra gli ultimi protagonisti viventi di quella stagione che donò al nostro Paese e alle future generazioni la democrazia, la libertà e la giustizia. Lo scorso 25 aprile, in occasione dell’anniversario della Liberazione, Malerba ha ricevuto la telefonata dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella che ha voluto esprimergli personalmente la sua stima. Pasquale Brancatisano è stato uno dei figli migliori della nostra terra. Lo ricorderemo per sempre, trasmettendo ai più giovani il suo straordinario esempio».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria

Concessionario Basic Media Servizi Srl

Telefono: 0984-391711
Cellulare: 351 8568553
Email: info@basicms.it

Design: cfweb

x

x