Ultimo aggiornamento alle 21:56
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

il contributo

«Giù l’età pensionabile per ricambio generazionale»

È trascorso oltre un anno da quando la pandemia ha colpito il nostro Paese ed il nostro primo e commosso pensiero va a quanti hanno perso la vita in questi lunghi e tristi mesi. Un anno ed ancora,…

Pubblicato il: 01/05/2021 – 9:11
di Francesco Cavallaro
«Giù l’età pensionabile per ricambio generazionale»

È trascorso oltre un anno da quando la pandemia ha colpito il nostro Paese ed il nostro primo e commosso pensiero va a quanti hanno perso la vita in questi lunghi e tristi mesi. Un anno ed ancora, nonostante l’avvento dei vaccini, non siamo usciti dalla emergenza sanitaria e men che meno dalla drammatica situazione economica nella quale si trovano milioni di cittadini. Giustamente, tutta l’attenzione è stata dedicata alla complessa gestione del fenomeno sanitario, a cercare di contenere quanto più possibile il contagio per salvare le vite dei cittadini ed al tempo stesso a cercare di predisporre strumenti di sostegno al reddito, per i tanti cittadini che ne hanno avuto bisogno e ad ampliare la definizione e l’utilizzo di strumenti di sostegno economico per i lavoratori. Ma ora, in correlazione con l’intensificarsi della campagna vaccinale si devono immediatamente varare interventi per far ripartire velocemente il Paese. Una ripartenza che non deve mirare al mero ripristino delle condizioni ante covid. No! Abbiamo toccato con mano quanto era già facile immaginare. Un Paese che già si trascinava con lievissimi incrementi della occupazione, con un drammatico tasso di disoccupazione giovanile, oggi si trova con gli stessi problemi che aveva e con un drastico crollo dei consumi, del PIL con tutto ciò che ne consegue. Non basterà il dispiegarsi dell’utilizzo del recovery fund se non si riuscirà ad amplificarne gli effetti creando nuova occupazione, dando spazio anche alla occupazione giovanile. In occasione del Primo Maggio 2020, lo abbiamo ribadito con forza ed ancora lo ribadiamo: L’Italia dovrà ripartire e dovrà farlo quindi dal LAVORO e dai LAVORATORI, con massicci investimenti pubblici nelle opere che da tempo occorreva fare e che ora più che mai devono essere fatte, ampliando l’occupazione, ridando il lavoro a chi lo ha perso. Ma ribadiamo ciò che noi consideriamo la priorità assoluta se si vuole ridare lo slancio necessario per la ripresa del Paese: bisogna dare lavoro ai giovani! E   quindi accelerare il ricambio mediante la drastica ed indispensabile riduzione dell’età pensionabile, senza penalizzazioni o furberie di sorta per peggiorare le prestazioni pensionistiche che sono già ingiustamente mortificate dal sistema di calcolo contributivo!  “L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro, anche questo Primo maggio 2021, non festeggiamo chiediamo con forza una reale ripartenza. Al centro della quale ci sono il lavoro ed i lavoratori. Viva l’Italia!” 

*Segretario Generale Cisal 

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb