Ultimo aggiornamento alle 15:57
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 1 minuto
Cambia colore:
 

Il caso

Profanate tombe nel cimitero di Rossano

L’episodio è stato denunciato dai gruppi di maggioranza in seno al consiglio comunale: «Un gesto di tale misera viltà che condanniamo senza sé e senza ma»

Pubblicato il: 04/05/2021 – 21:06
Profanate tombe nel cimitero di Rossano

CORIGLIANO ROSSANO «Questa mattina abbiamo scoperto che ignoti hanno profanato e danneggiato un luogo sacro all’interno del cimitero di Rossano». Lo denunciano i gruppi di maggioranza al Comune di Corigliano Rossano. «Un gesto di tale misera viltà – proseguono – che condanniamo senza sé e senza ma. Naturalmente è stata sporta denuncia presso le autorità competenti. Così come per quanto riguarda le irruzioni all’interno degli Uffici Cimiteriali o le esternazioni di bassa lega di alcuni “addetti ai lavori”, contrari alla scelta di aver internalizzato il servizio, espresse nei confronti di quegli operatori comunali che svolgono, con onestà, il lavoro che a loro compete. Potrebbe essere un caso, qualora al caso volessimo credere, ma gli atti vandalici, le profanazioni, le illazioni di dubbio gusto, sono iniziate da quando, il 18 febbraio scorso, la giunta comunale decise per una riorganizzazione amministrativa delle due strutture cimiteriali, centralizzando i profili di censimento e pianificazione e demandando alla competenza diretta del personale tutta l’attività, oltre a procedere alla internalizzazione dei servizi interni del cimitero che insiste nell’area dell’ex Comune di Rossano, prima delegata ad un soggetto esterno, procedendo, contestualmente, alla omogeneizzazione delle tariffe dei servizi previsti in tutti i cimiteri comunali».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb