Ultimo aggiornamento alle 19:59
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

dai territori

Maida, la villa comunale sarà intitolata a Falcone e Borsellino

L’iniziativa dell’amministrazione Paone in occasione della Giornata nazionale della legalità: l’appuntamento è venerdì prossimo

Pubblicato il: 15/05/2021 – 14:04
Maida, la villa comunale sarà intitolata a Falcone e Borsellino

MAIDA La Villa Comunale di rione Campo di Maida sarà intitolata ai giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. È quanto deciso dall’Amministrazione comunale di Maida, guidata dal sindaco Salvatore Paone, in occasione della Giornata nazionale per la legalità e il contrasto alla criminalità mafiosa. L’appuntamento è per venerdì 21 maggio alle 11, l’ingresso sarà contingentato nel rispetto delle misure anti-covid, per evitare assembramenti. «Quest’anno, accanto alla titolazione della Villa Comunale, abbiamo scelto di vivere la ricorrenza organizzando un incontro con gli studenti delle Terze medie dell’Istituto Comprensivo di Maida e Vena, invitando il Procuratore di Vibo Valentia, Camillo Falvo, che con il suo impegno testimonia quei valori di legalità, onestà e coraggio da valorizzare alle nuove generazioni – spiega il sindaco Paone -. Grazie alla collaborazione del dirigente scolastico Giuseppe De Vita dell’Istituto Comprensivo “G. Pascoli”, la ricorrenza nazionale sarà occasione di una giornata che abbiamo chiamato “Scuola di legalità”, in cui i ragazzi potranno ascoltare e porre domande al procuratore Falvo, proprio con l’intento di offrire sui banchi di scuola un insegnamento irrinunciabile per la formazione dei cittadini nella coscienza che la mafia è un fenomeno ancora vivo e forte, al quale è necessario opporsi con consapevolezza ogni giorno». «A Maida celebreremo, dunque, il valore della ricorrenza in data 21 maggio, anticipando di due giorni il calendario ufficiale, manifestando in modo semplice e dalla voce diretta del magistrato Falvo il senso di un impegno per la legalità, rendendo protagonisti i più giovani e ricordando il feroce attacco contro Falcone e Borsellino, magistrati di punta a cui si deve una nuova e più efficace legislazione antimafia – conclude Paone -. Il coraggio e l’esempio delle vittime delle stragi di Capaci e di via D’Amelio siamo convinti che vadano trasmesse alle nuove generazioni a partire da una pedagogia del fare che deve vedere insieme le istituzioni, la Scuola, il Comune, la Famiglia, e gli organi inquirenti per una viva cultura della legalità».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb