Ultimo aggiornamento alle 21:43
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

il talk

20.20 | La Calabria delle start up e dell’agricoltura che resiste

Nel talk de L’altro Corriere tv le idee innovative di Giorgio Gigliotti. E la lotta di Paolo Ippolito contro il progetto del parco eolico a Cirò

Pubblicato il: 26/05/2021 – 17:33
20.20 | La Calabria delle start up e dell’agricoltura che resiste

LAMEZIA TERME Nuovo appuntamento con “20.20”, l’approfondimento settimanale in onda questa sera alle 21 sul canale 211 e sulla pagina facebook de L’altro Corriere tv.
Ospiti di Danilo Monteleone e Ugo Floro, Giorgio Gigliotti, giovane startupper ideatore della piattaforma “Mercato telematico ” e Paolo Ippolito, esponente dell’affermato gruppo vitivinicolo di Cirò Marina e ambasciatore delle “Città del vino”.
«Devo essere onesto – ha dichiarato Giorgio Gigliotti – la principale difficoltà che ho avuto è stata quella di farmi ascoltare, e non nego che mi sono state chiuse molte porte in faccia, anche dalle istituzioni. La piattaforma che ho concepito rappresenta una straordinaria opportunità per tutte quelle aziende agricole e agroalimentari che vogliono affrontare il mercato con prodotti di qualità, ma sono scoraggiate, per non dire ostacolate, dalle note difficoltà della commercializzazioni».
L’idea – ha aggiunto Gigliotti – «si è trasformata in realtà grazie alla sensibilità di un calabrese che ce l’ha fatta, Maurizio Talarico, che dopo un semplice messaggio su linkedin, ha voluto incontrarmi organizzando una riunione con il ministro Patuanelli, ed ora, grazie a questo confronto, la mia idea sarà seguita da un tavolo tecnico ministeriale».
Preoccupante invece la vicenda sulla quale ha espresso tutto il proprio rammarico Paolo Ippolito.
«Nel 2003, con una sensibilità che era evidentemente diversa rispetto a quella di oggi, nel suggestivo territorio di Cirò, fu autorizzato il progetto di un parco eolico. Facile immaginare come queste ciclopiche torri possano danneggiare in maniera irreversibile il paesaggio e tutte quelle condizioni di ordine pedoclimatico che ci consentono di produrre qui l’80% del vino di qualità calabrese».
Per Ippolito, tuttavia la ferma opposizione delle cantine e della comunità del Cirotano, unita alla condivisione trasversale da parte della politica, non sono sufficienti: «Il pericolo di vedere le colline di Cirò devastate da torri eoliche non è ancora scongiurato.
Occorre che l’intera Calabria abbia consapevolezza delle proprie risorse ambientali, agroalimentari e paesaggistiche e le difenda con tutta la forza e la determinazione necessarie».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb