Ultimo aggiornamento alle 16:23
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

il rischio

Crisi Covid, la Regione scrive a Fincalabra: «Servono 4 milioni per “salvare” Sacal»

Il rischio di una «situazione di illiquidità» e la «continuità minacciata dalla pandemia». La delibera allarmata della giunta regionale

Pubblicato il: 06/06/2021 – 7:50
Crisi Covid, la Regione scrive a Fincalabra: «Servono 4 milioni per “salvare” Sacal»

CATANZARO La giunta regionale scrive a Fincalabra e chiede alla finanziaria pubblica di “salvare” Sacal attivandosi per reperire 4 milioni di euro.
La delibera approvata lo scorso 24 maggio dalla giunta regionale utilizza toni drammatici. Parla di «situazione di illiquidità», cioè – da definizione – della possibile incapacità di far fronte alla scadenza ai propri obblighi di pagamento, per carenza di denaro liquido o di mezzi prontamente convertibili in denaro. E di una «continuità dell’attività di Sacal Spa» che «è stata seriamente minacciata dall’attuale situazione pandemica». Tutti gli aeroporti hanno registrato cali nel traffico «a seguito delle rigorose misure di limitazione della mobilità adottate a livello europeo per la gestione di tale emergenza e della conseguente crisi senza precedenti generata sull’intero comparto aeroportuale in Europa». Il risultato, per la società che gestisce gli scali di Lamezia Terme, Reggio Calabria e Crotone è stato, secondo quanto riferisce l’atto, «un aumento della situazione debitoria».
Sacal, dunque, viaggia «inesorabilmente e rapidamente» verso una crisi che «crea il rischio di comprometterne la continuità aziendale e quindi l’accessibilità aerea diretta dell’intero territorio calabrese, con un evidente impatto negativo sulla mobilità locale». Per questo motivo, l’esecutivo – su proposta del governatore reggente Spirlì e dell’assessore allo Sviluppo economico Fausto Orsomarso, invita Fincalabra «a effettuare verifiche preliminari volte a valutare la sussistenza dei presupposti, normativi e procedurali, ivi incluse le vigenti norme in materia di Aiuti di stato, per l’attivazione di misure volte a creare condizioni affinché il sistema creditizio possa concedere a Sacal aperture di credito, fino ad un importo massimo di euro 4 milioni di euro senza alcun onere a carico del Bilancio regionale». È il primo step di un percorso nel quale si attendono ora le mosse della finanziaria controllata dalla Regione. (ppp)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb