Ultimo aggiornamento alle 9:54
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 1 minuto
Cambia colore:
 

Indagini

Infiltrazioni mafiose al comune di Pizzo, commissione prefettizia prorogata di sei mesi

La triade commissariale si era insediata a febbraio 2020. Il comune tornerà al voto per le elezioni amministrative nel 2022

Pubblicato il: 01/07/2021 – 9:34
Infiltrazioni mafiose al comune di Pizzo, commissione prefettizia prorogata di sei mesi

PIZZO CALABRO Il commissariamento del comune di Pizzo per infiltrazioni mafiose è stato prorogato di altri sei mesi. È quanto deciso dal ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese a seguito della relazione della triade commissariale inviata alla Prefettura di Vibo Valentia e allo stesso Ministero.
I commissari Antonio Reppucci, Giuseppe Di Martino e Antonio Corvo – insediatisi a febbraio 2020 a seguito del reato di concorso esterno in associazione mafiosa contestato al sindaco Gianluca Callipo, tra gli altri, nelle risultanze dell’inchiesta Rinascita Scott – proseguiranno nel lavoro di indagine e di approfondimento. Di conseguenza le elezioni comunali slitteranno ulteriormente, al 2022.
Per Prefettura di Vibo Valentia e Viminale erano emersi concreti, univoci e rilevanti elementi di collegamento fra amministratori, apparato burocratico e criminalità organizzata, con conseguente svilimento e perdita di prestigio del Comune. Oltre al sindaco, nelle carte dell’inchiesta erano finiti anche l’allora assessore all’Urbanistica Pasquale Marino, il comandante della Polizia municipale Enrico Caria e la dirigente comunale dell’ufficio Urbanistica del Comune di Pizzo, Maria Alfonsina Stuppia.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb