Ultimo aggiornamento alle 7:51
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

le criticità

Riecco la “costa smeralda”: da Lamezia a Falerna ritorna il mare verde – VIDEO

Già finita la “tregua” di Ferragosto: su ampi tratti della costa tirrenica catanzarese ritorna l’incubo dell’estate

Pubblicato il: 17/08/2021 – 12:47
di Giorgio Curcio
Riecco la “costa smeralda”: da Lamezia a Falerna ritorna il mare verde – VIDEO

LAMEZIA TERME Una tregua durata solo qualche giorno, il tempo di illudersi e di credere che forse, anche da queste parti, la “normalità” potesse esistere realmente e non essere solo una vaga idea partorita sotto l’ombrellone o da qualche politico di turno. 

Da costa tirrenica a costa smeralda  

Già perché dopo un Ferragosto “da sogno” e un mare cristallino quasi da bere e celebrato sui social quasi come una conquista insperata, la costa tirrenica catanzarese ha già abbandonato l’immagine comune di una “spiaggia normale” per assumere, da questa mattina, i contorni tipici della “costa smeralda”. Nessun riferimento – ovviamente – al famosissimo e patinato tratto di costa che caratterizza la Sardegna e che ha reso famosa la regione in tutto il mondo, ma inteso, semmai, nel senso più stretto di un aggettivo che mai come oggi descrive alla perfezione il colore dal mare oggi.

Il “mare verde” alla Lampara

L’indignazione sui social

Per i turisti e i calabresi che oggi hanno scelto la Marinella di Lamezia o la “Lampara” di Gizzeria (solo per fare alcuni esempi più lampanti) e anche Falerna, il tempo delle illusioni è già finito, sciolto quasi come una medusa spiaggiata sotto al sole d’agosto. E sui social è – e non potrebbe davvero essere altrimenti – un tripudio di indignazione, rabbia, sgomento e poi rassegnazione. Tutto misto alla consapevolezza che neanche il sequestro di un depuratore (QUI LA NOTIZIA) possa cambiare le cose in poco tempo.

Il video

Affidarsi alla sorte, anche quest’anno

E lo aveva detto al Corriere della Calabria qualche settimana fa anche il Procuratore di Vibo Valentia, Camillo Falvo: affinché le cose tornino alla normalità, ci vorranno ancora molti, molti anni. Ammesso che si inizi, prima o poi, a cambiare davvero qualcosa così come dimostra l’ultimo capitolo della nostra inchiesta. Intanto, per quest’anno, la situazione resta immutata: affidarsi alla sorte e sperare di recarsi a mare e trovare l’acqua cristallina. In caso contrario, non rimane che farsi abbagliare dal verde smeraldo. (redazione@corrierecal.it)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb

x

x