Ultimo aggiornamento alle 21:22
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 4 minuti
Cambia colore:
 

regionali 2021

L’appello di Aieta: «Fermiamoci». La corsa di Oliverio è già in salita

RIchiamo del consigliere regionale all’unità dei riformisti, «o sarà un bagno di sangue». Toni molto diversi da quelli dell’ex governatore

Pubblicato il: 19/08/2021 – 14:55
L’appello di Aieta: «Fermiamoci». La corsa di Oliverio è già in salita

CATANZARO Una corsa in salita. Per Mario Oliverio la (ri)candidatura alla presidenza della Regione in aperta rottura con il Pd e il centrosinistra è comunque un cammino ad ostacoli, anche perché da quello che dovrebbe essere lo schieramento in suo sostegno stanno arrivando segnali di ripensamento e accorate richieste di una pausa di riflessione. Sotto questo aspetto, molti osservatori politici così leggono il titolo di un post pubblicato questa mattina su facebook dal consigliere regionale dei “Democratici Progressisti”, Giuseppe Aieta: «Fermiamoci o sarà un bagno di sangue». Aieta – riferiscono i bene informati – qualche giorno fa ha partecipato alla riunione ristretta dalla quale di fatto è partita la ricandidatura di Oliverio a governatore.

«Recuperare le ragioni dello stare insieme»

Ecco cosa scrive Aieta: «Cosa impedisce al centrosinistra calabrese di ritrovare le ragioni dell’unità? È la domanda che drammaticamente ci rivolgono i calabresi che non si rassegnano all’idea di una vittoria a tavolino della destra targata Spirlì. Quella destra che ignora Gino Strada e che ha prodotto macerie in un lasso di tempo assai breve, e cioè da quel drammatico 15 ottobre. Neanche un anno, per cui è davvero triste immaginare la Calabria dopo un’intera legislatura. In questo quadro il centrosinistra calabrese è ancora fermo allo schema fallimentare che portò alla scelta di Callipo. Anzi, quel quadro si è aggravato per via delle ulteriori divisioni che in due anni non sono state sanate. Né può essere gettata la croce sui commissari: così come in sanità, i commissari rappresentano l’alibi per la classe dirigente calabrese che non ha respiro, né visione, ma solo l’obiettivo di auto conservarsi mimetizzandosi e scaricando le proprie responsabilità. In questi mesi abbiamo tentato sempre di agevolare dialogo, di contenere rancori, di mitigare risentimenti. Su questo non abbiamo registrato grandi entusiasmi, né abbiamo percepito la volontà di chiudere una fase ed aprirne una nuova su pochi punti che avrebbero definito l’azione politica dei riformisti calabresi. Il timore di perdere posizioni di privilegio personale, magari strappando con i denti un seggio in consiglio regionale, è prevalso sulle ragioni della politica. Nelle divisioni le colpe sono sempre a metà, nell’unità i successi appartengono a tutti». Aieta poi aggiunge: «Il campo del centrosinistra è a pezzi: tre autorevoli candidati votati ad una sonora sconfitta a tavolino che sarà un vero e proprio bagno di sangue con sullo sfondo la grave responsabilità di spalancare le porte ad un modello di governo già sperimentato, drammaticamente, in pochissimo tempo. Nelle sezioni che abbiamo frequentato da giovanissimi vigeva la regola aurea della “pari dignità”, espressione geniale, che aveva un valore morale riferito all’etica della reciprocità. Se solo riuscissimo e recuperare questa semplice regola probabilmente troveremmo le ragioni dello stare assieme, ragioni che i calabresi apprezzerebbero perché afferenti alla responsabilità che ogni dirigente politico dovrebbe assumere. Serve una mossa, non lo stallo, serve audacia e sagacia, responsabilità e serenità. Personalmente coltivo ancora la speranza di rivedere uniti i riformisti calabresi».

L’ora dei ripensamenti?

Secondo molti osservatori politici, il senso dell’intervento di Aieta, che in realtà fa un richiamo all’unità, va in una direzione se non opposta certo molto diversa da quella a cui porta la decisione di Oliverio di ridiscendere in campo quale terzo candidato presidente proveniente dalla stessa area politica, quella del centrosinistra (ci sono infatti anche Amalia Bruni per il centrosinistra a guida Pd e M5S e Luigi de Magistris quale indipendente). C’è poi molto eloquente quel passaggio di Aieta sui commissari, non solo nella sanità… E comunque, l’intervento di Aieta sarebbe sintomatico di un momento di riflessione che si sarebbe aperta nel campo che dovrebbe sostenere Oliverio (che tra l’altro dovrebbe tenere a breve una conferenza stampa ma ancora non si sa quando la terrà). Fonti accreditate riferiscono che anche l’altro consigliere regionale di Dp, Antonio Billari, ricompreso dai bene informati tra i possibili candidati a sostegno di Oliverio, in queste ultime ore avrebbe iniziato a sondare il terreno in altri schieramenti, segnatamente in quello che fa capo a de Magistris.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x