Ultimo aggiornamento alle 22:58
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

controlli anticovid

Crotone, assembramenti sulle piste da ballo: chiusi due locali

All’esito del controlli della polizia, due attività cittadine sono state sospese per 5 giorni con multa per i gestori

Pubblicato il: 25/08/2021 – 13:46
Crotone, assembramenti sulle piste da ballo: chiusi due locali

CROTONE La Polizia di Stato continua a controllare le attività commerciali al fine di assicurare il corretto adempimento delle normative in materia di prevenzione e contrasto alla diffusione del virus Covid-19, e a sanzionare i locali che ignorano deliberatamente le direttive vigenti.
Sabato notte, infatti, ad essere sottoposte a controllo per poi essere sanzionate e chiuse per cinque giorni per aver violato le disposizioni anti-Covid è toccato a due locali crotonesi.
I locali, come tanti altri, hanno riaperto con la formula della somministrazione di alimenti e bevande ma quando i poliziotti della Questura di Crotone sono entrati in borghese per osservare la situazione e fare i dovuti controlli, hanno assistito a una scena che non lasciava spazio a dubbi: notte danzante, assembramenti e tanti giovani accalcati tra loro privi di mascherina. Ai poliziotti non è rimasto altro da fare che invitare i proprietari dei locali in Questura per contestare successivamente le sanzioni: multe per le varie violazioni alle norme anti-Covid e chiusura per cinque giorni.
La prima attività è stata sanzionata poiché all’interno del locale si riscontrava la presenza di numerosi avventori intenti a ballare senza mascherina. Il gestore del secondo locale, veniva sanzionato poiché ometteva di rispettare le misure idonee al fine di evitare assembramenti al di fuori del noto bar del Centro cittadino.
La terza ed ultima attività di vicinato oggetto di controllo amministrativo, invece è stata sanzionata, ai sensi dell’articolo 20 del Codice della Strada, per aver occupato abusivamente 10 mq di suolo pubblico.
Si rammenta che le disposizioni normative per il contrasto della diffusione dell’epidemia vietano gli assembramenti di persone e prescrivono ancora, in caso di impossibilità di mantenere la distanza interpersonale di sicurezza, l’utilizzo della mascherina di protezione.
Inoltre, l’articolo 7 del Dpcm del 2 marzo 2021, continua a prevedere tra l’altro, anche per le regioni in zona bianca, la sospensione delle “attività che abbiano luogo in sale da ballo e discoteche e locali assimilati, all’aperto o al chiuso”; molti sono tuttavia i titolari di licenza comunale di sala da ballo, ma anche quelli sprovvisti di tale autorizzazione, che con qualunque alibi, ad esempio una festa di compleanno o di laurea, organizzano serate di balli in contrasto con la norma in vigore, creando assembramenti che possono causare la diffusione del virus e determinare una concorrenza sleale nei confronti delle attività che invece rispettano le disposizioni vigenti. Nell’ambito dei costanti e quotidiani controlli disposti dal Questore di Crotone, fino alla fine del periodo estivo, continueranno in maniera serrata le verifiche sul rispetto dei divieti di assembramento, il contrasto alla movida ed alle violazioni delle disposizioni ancora vigenti al fine di garantire la necessaria cornice di sicurezza e per tutelare la salute dei cittadini e della collettività.

*foto all’articolo di repertorio

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb