Ultimo aggiornamento alle 15:54
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

La puntualizzazione

«L’obbligo della Bcc è di muoversi all’interno delle norme»

Errare è un difetto comune, chiedere scusa è una virtù rara soprattutto perché, ahimè, viviamo in una società in cui ci si scusa molto poco. Ho, quindi, molto apprezzato non solo le scuse, non sol…

Pubblicato il: 20/09/2021 – 15:55
di Sebastiano Barbanti*
«L’obbligo della Bcc è di muoversi all’interno delle norme»

Errare è un difetto comune, chiedere scusa è una virtù rara soprattutto perché, ahimè, viviamo in una società in cui ci si scusa molto poco. Ho, quindi, molto apprezzato non solo le scuse, non solo gli attestati di stima nei miei riguardi (di cui ringrazio vivamente) ma soprattutto le qualità umane di sensibilità e moralità del presidente del Gal Terre Vibonesi Vitaliano Papillo che ho potuto rilevare durante la telefonata chiarificatrice. Come ho avuto modo di dire per telefono, ben vengano anche questi malintesi se possono servire per conoscersi meglio e rafforzare un legame che sicuramente sarà utilissimo per la crescita del nostro territorio. Perché questo è l’obiettivo che ritengo tutte le Istituzioni, gli enti, gli operatori economici debbano avere: lavorare tutti assieme, senza diatribe, per lo sviluppo del nostro territorio.
E questo è l’obiettivo che si pone la BCC, consapevole del suo importante ruolo di attore finanziario. Ci dispiace che questa situazione, che ha visto comunque la banca comportarsi correttamente, sia stata strumentalizzata da molti per esprimere giudizi su altre azioni e comportamenti della BCC senza conoscere le reali situazioni sottostanti e comunque conseguenti alle ormai note Ispezioni della Banca d’Italia.
Abbiamo l’obbligo di muoverci all’interno della normativa a cui siamo sottoposti, benché molte volte poco tollerata dai clienti, poiché rappresenta una linea guida utile, non derogabile, che ci aiuta a non tradire la fiducia dei clienti, a tutelare i risparmi affidatici ed a far sviluppare in maniera sana il territorio.
Capiamo il senso di disorientamento tra i clienti ed i soci dovuto soprattutto alla vera e propria valanga normativa (antiriciclaggio e credito tra tutte) che negli ultimi 15 anni, senza far percepire nulla, ha cambiato la banca. Prima, per esempio, bastava essere un cliente storico, magari avere qualche garanzia ed in poco tempo si apriva un conto o si aveva il credito. Adesso si deve valutare la gestione e la movimentazione del conto, la capacità manageriale, la sostenibilità del credito, la capacità di rimborso. Come elemento distintivo, nelle banche di comunità come le BCC, queste valutazioni vengono effettuate da persone che vivono il territorio, che rappresentano un elemento di sensibilità per il territorio, che prestano un’attenzione particolare al territorio ed alle sue peculiarità. Di più, la BCC vive in simbiosi con il territorio: per Statuto essa può e deve erogare credito laddove raccoglie le risorse e quindi nel territorio di Vibo. Sentiamo quindi grande la responsabilità nei confronti dei clienti, dei soci, dei depositanti, del territorio, perché se loro crescono, la BCC cresce a sua volta.
Ecco perché il nostro primo compito è quello di crescere insieme al cliente, di fare insieme un percorso in questo nuovo modo di fare banca, di consigliarlo al meglio per avere una perfetta operatività, per far crescere il nostro territorio, per preservare al meglio uno dei pochi patrimoni che ci rimangono che è la nostra banca del territorio. BCC che con i suoi oltre 30 milioni di euro di patrimonio è una delle più solide e sicure di tutto il Mezzogiorno e che ha erogato, nell’ultimo anno, circa 120 milioni di euro di crediti, di cui 40 per crediti “Covid”.

*presidente Credito Cooperativo di San Calogero E Maierato – BCC Del Vibonese S.C.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb