Ultimo aggiornamento alle 12:09
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 4 minuti
Cambia colore:
 

calabria al voto

Regionali, affluenza finora molto bassa. Oggi urne ancora aperte, poi il verdetto

Ieri ha votato solo il 30,87% degli aventi diritto. Sfida a quattro per la carica di presidente: Occhiuto, Bruni, de Magistris e Oliverio

Pubblicato il: 04/10/2021 – 6:59
Regionali, affluenza finora molto bassa. Oggi urne ancora aperte, poi il verdetto

La prima giornata delle elezioni regionali in Calabria si è chiusa con un’affluenza notevolmente bassa. Si è recato alle urne solo il 30,87% degli aventi diritto al voto. La provincia in cui si è registrato il maggior numero di elettori che si sono presentati ai seggi è stata quella di Catanzaro con il 33,39%. A seguire il Cosentino e il Reggino entrambi con il 31,04%, il Vibonese con il 20,38% e infine la provincia di Crotone con il 20,08%.  Nelle precedenti elezioni regionali del 26 gennaio 2020 l’affluenza alle ore 23 era stata del 44,43%, ma quelle elezioni, a differenza di questa tornata, si svolsero nell’arco di un’unica giornata.  Si spera dunque in uno sprint nelle prossime ore. Oggi infatti è la seconda giornata delle elezioni per il nuovo presidente della Giunta regionale e del nuovo Consiglio regionale. I calabresi che ancora non si sono recati alle urne potranno votare dalle ore 07.00  fino alle ore 15.00.  In campo ci sono quattro candidati alla presidenza della Regione, 21 liste, oltre 500 candidati al Consiglio regionale.  In Calabria si torna al voto per le Regionali dopo la fine anticipata della scorsa legislatura, l’11esima, a causa della scomparsa della governatrice Jole Santelli, avvenuta il 15 ottobre 2020.

I candidati presidente della Regione

I quattro candidati alla carica di presidente della Regione sono l’ex capogruppo di Forza Italia alla Camera, Roberto Occhiuto, per il centrodestra, la ricercatrice Amalia Bruni per il centrosinistra, il sindaco di Napoli Luigi de Magistris per un polo civico e l’ex governatore Mario Oliverio da indipendente.
A sostegno di Occhiuto ci sono sette liste: Forza Italia, Forza Azzurri, Fratelli d’Italia, Lega, Udc, Coraggio Italia e Noi con l’Italia. Anche la Bruni ha l’appoggio di sette liste: Pd, Amalia Bruni presidente Calabria Sicura, Movimento 5 Stelle, Tesoro Calabria, Psi, Europa Verde, Dpam-Democrazia animalista.
Sei le liste che compongono la coalizione di de Magistris: De Magistris presidente, DemA, Uniti con de Magistris, Per la Calabria con de Magistris, Un’altra Calabria è possibile e Calabria resistente e solidale. Oliverio, infine, scende in campo con una lista: Oliverio presidente Identità calabrese.

Il sistema elettorale calabrese

Il sistema elettorale calabrese, modificato nel 2014 per superare alcuni rilievi di incostituzionalità sollevati dal governo nazionale all’epoca in carica, è un sistema proporzionale con premio di maggioranza. Il Consiglio regionale è composto da 30 seggi, compreso il seggio assegnato al presidente della Giunta regionale. L’80% dei seggi del Consiglio regionale (24) è ripartito proporzionalmente in 3 circoscrizioni: Cosenza (9), Catanzaro-Crotone-Vibo Valentia (8), Reggio Calabria (7). Per essere ammessi alla ripartizione dei seggi le coalizioni di liste devono superare l’8%, mentre le singole liste circoscrizionali devono superare il 4% dei voti a livello regionale, I restanti 6 seggi sono assegnati alle liste che appoggiano il presidente eletto qualora queste non raggiungano il 50% dei seggi (ovvero 15 su 30) nel riparto proporzionale. Altrimenti, se la coalizione raggiunge o supera il 50% dei seggi, ottiene un premio dimezzato, di 3 seggi. Qualora la coalizione vincente non raggiunga i 16 seggi (il 55%) perfino dopo l’assegnazione del premio intero, è prevista l’attribuzione di questi seggi aggiuntivi togliendoli da quelli attribuiti alle liste di opposizione.

Come si vota

L’elettore dispone di due voti, uno per il candidato presidente e uno per una lista provinciale. Qualora l’elettore esprima il suo voto soltanto per una lista provinciale il voto si intende validamente espresso anche a favore del candidato presidente collegato a quella lista. Non è previsto il ballottaggio, pertanto viene eletto presidente della Regione il candidato che ottiene anche una sola preferenza in più rispetto ai suoi avversari. Il candidato presidente che risulta secondo viene comunque eletto consigliere regionale: alle precedenti elezioni regionali del 2014 questa possibilità era stata esclusa in base a un’interpretazione della legge elettorale vigente, ma successivamente è stata ripristinata da una sentenza della Corte Costituzionale. Inoltre, in Calabria non è prevista la possibilità di esprimere un voto disgiunto, già escluso dalla competizione del 2014: in sostanza, oggi l’elettore può esprimere il suo voto solo per il candidato alla carica di presidente collegato alla lista provinciale prescelta. L’elettore può inoltre esprimere uno o due voti di preferenza ma nel caso di espressione di due preferenze queste devono riguardare candidati di sesso diverso della stessa lista,  essendo stata introdotta anche in Calabria la doppia preferenza di genere.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb