Ultimo aggiornamento alle 23:59
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

il processo

Basso Profilo, chiesto uno sconto di pena per il pentito e la moglie

I pm hanno chiesto di riconoscere a Rosa la premialità per la collaborazione e le dichiarazioni rese. Chieste le attenuanti generiche per la Di Noia

Pubblicato il: 21/10/2021 – 13:53
di Alessia Truzzolillo
Basso Profilo, chiesto uno sconto di pena per il pentito e la moglie

CATANZARO I pubblici ministeri della Dda di Catanzaro Paolo Sirleo e Veronica Calcagno nel corso del processo “Basso Profilo” hanno chiesto di rimodulare la pena per il collaboratore di giustizia Tommaso Rosa, 57 anni, il quale si è autoaccusato dei reati contestati, alcuni anche gravi come quello di una sua partecipazione in seno all’omicidio di Rocco Corigliano che non è oggetto del processo. Dagli originali 20 anni chiesti i pm hanno chiesto al gup Simona Manna che venga rimodulata la pena a 8 anni di reclusione. I magistrati hanno inoltre chiesto il riconoscimento delle attenuanti generiche per Concetta Di Noia, moglie di Rosa, la quale oggi ha reso esame affermando di avere aperto delle aziende su spinta del marito e di non sapere che Antonio Santo Bagnato appartenesse alla ‘ndrangheta. Nei suoi confronti l’accusa ha chiesto uno sconto di pena dagli originali 14 anni invocati a 8 anni di reclusione.

Le accuse

Concetta di Noia e il marito sono accusati di associazione a delinquere semplice aggravata dal metodo mafioso e, insieme ad Antonio Gallo, sono considerati i promotori e organizzatori di questa associazione, ricoprendo l’incarico di amministratori di fatto di oltre 20 società “schermate” da prestanome e adottando tutta una serie di accorgimenti illeciti per eludere i controlli dell’Agenzia delle entrate e della Guardia di finanza. Società che vedevano la partecipazione anche di Antonio Santo Bagnato, boss di Roccabernarda, che dava il nullaosta per lo svolgimento delle attività, individuava i soggetti da impiegare nel sodalizio e percepiva una percentuale per l’attività compiuta.
Nel collegio difensivo, tra gli altri, gli avvocati Enzo Ioppoli, Gianluca Acciardi, Giuseppe Fonte, Salvatore Staiano, Francesco Gambardella, Giusy Caliò. (a.truzzolillo@corrierecal.it)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb