Ultimo aggiornamento alle 7:09
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

le indagini

Uomo originario di Cutro ucciso a colpi di pistola a Reggio Emilia

La vittima è il 29enne Salvatore Silipo. Fermato dai carabinieri il 70enne titolare dell’attività in cui si è consumato l’omicidio

Pubblicato il: 24/10/2021 – 7:00
Uomo originario di Cutro ucciso a colpi di pistola a Reggio Emilia

CADELBOSCO SOPRA Un uomo di origini calabresi – Salvatore Silipo, 29 anni, residente a Santa Vittoria di Gualtieri, padre di due figli – è stato ucciso alle 15 a colpi di pistola all’interno della ditta Dante Gomme in via Verga a Cadelbosco. I carabinieri hanno portato in caserma a Reggio un uomo, la cui posizione è al vaglio degli inquirenti. Sul posto anche il pubblico ministero Piera Giannusa. Silipo è stato freddato a colpi di pistola nella ditta di pneumatici “Dante Gomme” dove lavorava fino a circa un mese fa. L’uomo in stato di fermo è, secondo quanto riporta il Resto del Carlino il titolare dell’attività, Dante Sestito, 70 anni. Il fermo è stato eseguito dai carabinieri del comando di Guastalla, intervenuti con a quelli di Cadelbosco.

L’allarme dato dal cugino e dal fratelli di Silipo

Il cugino ed il fratello di Salvatore Silipo, che sarebbero stati presenti, sono riusciti a scappare, arrampicandosi sopra la rete di recinzione che delimita l’ampio parcheggio dell’esercizio commerciale e fermare una pattuglia dei carabinieri allertata da alcuni residenti delle case adiacenti al negozio che avevano sentito esplodere gli spari. Dante Sestito e il figlio sono stati immediatamente fermati e portati in caserma a Guastalla e successivamente a Reggio, dove sono stati interrogati per tutta la notte. Non vi è al momento la conferma da parte delle autorità che sia stato lo stesso Sestito l’esecutore materiale di questo delitto.
Silipo lascia una moglie e due bimbi piccoli, un maschietto di due anni e una femminuccia nata appena venti giorni fa. L’uomo, che avrebbe precedenti per droga, risiedeva da anni a Santa Vittoria, la famiglia è originaria di Cutro in Calabria.

L’incontro chiarificatore in officina

Secondo una prima sommaria ricostruzione, Silipo aveva lavorato nell’azienda fino a circa un mese fa, come operaio. Poi il rapporto si era interrotto, per motivi che sono al vaglio degli investigatori, i carabinieri della Compagnia di Guastalla e del nucleo investigativo di Reggio Emilia, coordinati dalla Procura. Nel primo pomeriggio di sabato, però, il 29enne era tornato alla ditta, forse per un chiarimento a cui hanno partecipato anche parenti di entrambi. Una delle ipotesi tenute in considerazione è che il clima sia sia surriscaldato e Sestito abbia quindi estratto la pistola e fatto fuoco.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb