Ultimo aggiornamento alle 9:53
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

vite di mafia

La libertà negata dal clan, a “Cose nostre” la storia di Maria Concetta Cacciola

Il programma di Rai1 racconterà il tentativo della testimone di giustizia di affrancarsi dalla famiglia mafiosa

Pubblicato il: 04/12/2021 – 12:35
La libertà negata dal clan, a “Cose nostre” la storia di Maria Concetta Cacciola

ROMA Per il ciclo speciale dedicato alle donne di mafia “Cose Nostre”, in onda lunedì 6 dicembre alle 23.30 su Rai1, racconta la storia di Maria Concetta Cacciola, testimone di giustizia, uccisa barbaramente a soli 31 anni d’età. Cetta era una ragazza bella, giovane e piena di vita, che sognava per sé e per i suoi figli un’esistenza diversa da quella che i genitori volevano imporle. La famiglia Cacciola infatti è una famiglia di ‘ndrangheta di Rosarno, legata al clan Bellocco, una delle cosche più potenti della Piana di Gioia Tauro. Quando Maria Concetta si innamora di un uomo conosciuto su internet viene vessata, picchiata e segregata in casa.
Un giorno, l’11 maggio del 2011, Maria Concetta decide di dare un taglio a quella vita fatta solo di violenze e diventa testimone di giustizia. La famiglia attraverso la madre userà i figli per farla ritornare e ritrattare le sue dichiarazioni. Si apre così un tira e molla interiore, che la spinge prima ad affidarsi allo Stato, poi a ripensarci per le pressioni subite dalla madre e dal fratello, infine a rivolgersi nuovamente ai Carabinieri. Ma prima di poter essere messa in sicurezza dall’Arma, Cetta viene trovata agonizzante a casa sua, qualcuno le ha fatto ingerire un litro di acido muriatico. Un programma di Emilia Brandi scritto con Federico Lodoli, Vincenza Berti, Beniamino Daniele. Regia di Raffaele Maiolino.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb