Ultimo aggiornamento alle 23:58
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

la lettera

Fuscaldo, «Asp non traccia i positivi. Intere famiglie senza assistenza»

Il sindaco scrive al Prefetto e al governatore: «Il Comune sopperisce alle mancanze, ma di questo passo non reggeremo un urto di questa portata»

Pubblicato il: 28/12/2021 – 10:52
Fuscaldo, «Asp non traccia i positivi. Intere famiglie senza assistenza»

FUSCALDO «Il sindaco di Fuscaldo, Giacomo Middea, ha scritto al Prefetto di Cosenza, Vittoria Ciaramella e al Presidente della Regione, Roberto Occhiuto, per informarli della difficile situazione in cui si trova il Comune in questi ultimi giorni. In estremi sintesi – si legge in una nota dell’amministrazione – l’Azienda sanitaria provinciale non ha eseguito il tracciamento dei cittadini positivi al Sars-CoV2. Intere famiglie sono state abbandonate al proprio destino, senza assistenza, al punto tale che è stato direttamente il Comune ad allertare i competenti uffici dell’Asp al fine di poter emettere ordinanze di isolamento e di quarantena».

La lettera del primo cittadino

«Il sistema di monitoraggio, di assistenza e di tracciamento, da parte dell’Azienda sanitaria provinciale, é imploso. Mi preme infatti informarVi – scrive il sindaco – che nella giornata odierna, il sottoscritto, insieme agli uffici comunali ed al personale della Polizia locale, si è dovuto adoperare finanche per tracciare i concittadini positivi al Sars-CoV2, inviandone apposita comunicazione al competente dipartimento dell’Asp. Diverse, infatti, sono state le persone contagiate dal Covid-19, che ci hanno raggiunti telefonicamente al fine di segnalare la propria positività, in quanto nessun contatto era nel frattempo pervenuto da parte dell’Azienda sanitaria. Intere famiglie lasciate da sole, senza informazioni, senza assistenza e senza neanche un atto che attestasse lo stato di quarantena o di isolamento delle persone interessate. Ovviamente, anche ai nostri uffici non è stata inviata alcuna documentazione concernente richieste di emanazione delle ordinanze di quarantena o di isolamento, così come dovrebbe avvenire da prassi. Inefficienze che registriamo ormai da qualche tempo. Ci troviamo, pertanto, di fronte a gravissime anomalie di sistema, che non possono assolutamente passare inosservate e che meritano attenzione ed azioni risolutive ed incisive, in quanto é oltremodo evidente, che, di questo passo, neanche i nostri uffici comunali riusciranno a reggere ad un urto di questa portata. Serve trovare, insieme, delle soluzioni a questa grave problematica che sento in dovere di sollevare e che sta causando disagi e preoccupazioni all’interno della mia Comunità. E mi rivolgo – conclude il sindaco – alle Signorie Vostre, in quanto Massima Autorità dello Stato sul nostro territorio ed in quanto Massima Autorità Sanitaria della nostra Regione. Noi stiamo già facendo e continueremo a fare la nostra parte, ma abbiamo bisogno del Vostro aiuto e del Vostro supporto. Non Ve lo chiede solo un Primo Cittadino di un piccolo Comune della Calabria. Ve lo chiede un’intera Comunità che, nonostante tutto, sta affrontando l’emergenza Covid con dignità e coraggio. Sentimenti che, però, da soli, non riusciranno a limitare il diffondersi della pandemia e né riusciranno a mettere in atto quelle azioni di monitoraggio, che in questi giorni stanno mancando (e non sappiamo per quali ragioni) e senza le quali diventa quasi impossibile la prevenzione».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb

x

x