Ultimo aggiornamento alle 23:46
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

la selezione

Lamezia, il progetto del “Renato Dulbecco Institute” «finanziabile per 27 milioni»

Positiva la prima valutazione della commissione scientifica del Ministero per il Sud. Per ora sono in tutto 13 i progetti giudicati idonei

Pubblicato il: 03/01/2022 – 18:33
Lamezia, il progetto del “Renato Dulbecco Institute” «finanziabile per 27 milioni»

LAMEZIA TERME Il progetto Renato Dulbecco Institute mira alla realizzazione del Renato Dulbecco Institute a Lamezia, cioè una piattaforma di eccellenza per la produzione di anticorpi monoclonali e di nanoanticorpi (pronectine) che si stanno sperimentando per la cura della malattie da Coronavirus e delle sue varianti Delta e Omicron in collaborazione con la società Twist di San Francisco. Ne ha dato notizia Giuseppe Nisticò, già presidente della Regione Calabria e farmacologo di fama internazionale, nonché commissario della fondazione Renato Dulbecco.
Il progetto, infatti, è stato giudicato idoneo per poter essere finanziato con un contributo di circa 27 milioni di euro. L’area che ospiterà i laboratori del centro, come approvato da delibera dalla Giunta regionale calabrese, sarà la Fondazione Mediterranea Terina, nell’area ex Sir di Lamezia Terme e opererà in collegamento stretto con le vicine università della Calabria.
Il Dulbecco Institute dovrà essere il primo tassello di una rete di centri di eccellenza che ancora mancano in Calabria, per cui molti pazienti sono costretti a recarsi in altre regioni italiane o all’estero. A presiederlo sarà un calabrese illustre, Roberto Crea, il padre delle biotecnologie che dopo 40 anni di attività in California tornerà in Italia proprio per dirigere l’istituto nella sua regione d’origine e che nei mesi scorsi ha effettuato un sopralluogo negli spazi riservati ai laboratori.
Soddisfazione e pieno sostegno da parte del nuovo presidente della Regione Calabria Roberto Occhiuto, il quale insieme con il sindaco di Lamezia, avvocato Paolo Mascaro, aveva sottoscritto la richiesta di finanziamento.
L’Istituto sarà organizzato in due edifici: quello dell’ex Telcal per i laboratori di produzione e studio di nuovi anticorpi monoclonali e di nanoanticorpi (pronectine), di cui la Fondazione Renato Dulbecco possiede la proprietà intellettuale e i relativi brevetti, e quello dell’ex Ispels, che sarà la sede dei laboratori di farmaco-tossicologia pre-clinica per lo studio dei prodotti sintetizzati nel centro degli anticorpi monoclonali e delle pronectine, nonché per la valutazione della qualità e della sicurezza dei prodotti agroalimentari della Regione Calabria.
Il progetto, avviato dalla compianta presidente Jole Santelli, compie dunque un passo in avanti.  Tra l’altro alcuni esperimenti iniziali hanno documentato l’efficacia delle prime pronectine sintetizzate contro forme di cancro di tumori solidi ed ematologici come dimostrato dai due oncologi di fama internazionale dell’UMG,(Università degli Studi di Catanzaro “Magna Graecia”) Pierfrancesco Tassone e Pier Sandro Tagliaferri. «La Calabria diventerebbe così un riferimento centrale in Europa – sottolinea Nisticò –  anche per il fatto che la Fondazione Dulbecco di Lamezia e la Protelica di San Francisco possiedono la proprietà intellettuale e i brevetti per la produzione di questi farmaci innovativi per l’attività di ricerca scientifica finalizzata a debellare malattie mortali e in ultima analisi per il benessere dell’umanità».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria

Concessionario Basic Media Servizi Srl

Telefono: 0984-391711
Cellulare: 351 8568553
Email: info@basicms.it

Design: cfweb

x

x