Ultimo aggiornamento alle 9:53
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 4 minuti
Cambia colore:
 

i nodi della politica

“Rigenerare il Pd”, il dibattito sulla mozione di Irto apre il congresso regionale dem

Oggi il confronto sul programma del prossimo segretario. «Il partito dev’essere rinnovato sin dalle sue fondamenta». Domani il voto dei delegati

Pubblicato il: 15/01/2022 – 13:52
“Rigenerare il Pd”, il dibattito sulla mozione di Irto apre il congresso regionale dem

CATANZARO Al via oggi il congresso regionale del Pd, congresso che vede come unico candidato alla segreteria il capogruppo del partito alla Regione Nicola Irto, ormai di fatto la nuova guida dei dem dopo tre anni di commissariamento. Oggi nei circoli ci sarà la discussione della mozione congressuale di Irto, dal titolo “Rigenerare il Pd”, domani si eleggeranno i delegati all’assemblea regionale del partito che dovrà essere convocata entro 10 giorni e che ufficializzerà l’elezione di Irto alla segreteria regionale.

La mozione di Irto: “Rigenerare il Pd”

Intanto, oggi parte il dibattito sulla mozione di Irto, mozione nella quale il prosimo segretario del Pd calabrese espone il suo programma, osservando anzitutto che «serve un partito organizzato e per molti versi rigenerato. Non per rinnegare la storia, ma per assicurare di sapere interpretare una società complessa di cui il Covid ha aumentato le contraddizioni ed esasperato i problemi. Il Pd deve essere, innanzitutto più presente e l’impegno dei suoi quadri dirigenti e militanti deve essere percepito dal popolo democratico e dall’intera società calabrese anche lontano dai momenti elettorali. Un partito che abbia credibilità, visione e una idea di rigenerazione deve lavorare ogni giorno al suo chiaro progetto politico e così deve essere percepito». Per Irto «al Pd della Calabria serve una nuova e larga partecipazione democratica nella sua vita di partito a cominciare dall’aprirsi ai territori e rifondare i circoli. Bisogna tornare tra le persone, e rimanerci con continuità, perché finora lo abbiamo fatto solo nei momenti elettorali, figli, e troppo spesso artefici, di una storia di un lungo commissariamento che ci ha allontanato dalla pratica quotidiana del dibattito, degli incontri, delle iniziative. È necessario che il partito impari nuovamente a camminare sulle gambe della democrazia interna, per fare ciò dovrà eliminare il cordone ombelicale delle pseudo correnti, spazzare via le vestigia di quelli che fino a pochi anni fa venivano chiamati “feudi”. Il Pd – scrive il futuro segretario regionale – sarà chiamato ad essere “una vera e autentica comunità politica”, non più un insieme di gruppi, che finora si sono alleati o scontrati per interessi e senza un vero progetto politico. Sarà imprescindibile esercitare azioni e condivisioni sui territori, rendendo riconoscibili le proposte e le scelte come proprie del Pd».

«Partito da rinnovare sin dalle sue fondamenta»

Secondo Irto «il Pd dovrà essere rifondato sin dalle sue fondamenta, deve tornare ad essere in Calabria un luogo di incontro e formazione, punto di congiunzione tra i cittadini e le istituzioni. Abbiamo bisogno di un partito pluralista, ma non diviso, che sappia sfruttare questa fase congressuale per mettere in campo una nuova e autorevole classe dirigente e dialogare in maniera proficua con tutti i livelli di governo, compreso quello europeo. Se questo congresso verrà percepito come un atto tecnico o un momento per pochi avremo fallito, e non possiamo permettercelo. Dobbiamo renderlo il più aperto possibile e fare in modo che possa essere concreto e utile per la Calabria e i calabresi. Questo – aggiunge il capogruppo regionale e segretario in pectore del Pd calabrese – sarà un punto di partenza dal quale riconnettere i circoli e far rinascere la struttura regionale del partito. Con il congresso non eleggeremo solo i nostri dirigenti, ma avvieremo un progetto di azione politica che avrà una “visione chiara di quella Calabria forte, onesta e coesa che vogliamo costruire nei prossimi anni”». Irto quindi sostiene che «per la prima volta nella storia del Pd, questo congresso rappresenterà l’occasione per stringere una nuova alleanza con i calabresi. Un’alleanza a cui intendiamo far partecipare specialmente le categorie fragili e in particolare i giovani, solitamente tagliati fuori da ogni forma di partecipazione e valorizzazione politica. Serve un nuovo, grande patto sociale tra il Pd e i giovani calabresi. A loro, che danno a questa terra la speranza di un futuro migliore, decidendo di rimanere qui, noi, a nostra volta, dobbiamo restituire loro la consapevolezza che quella scelta non sia stata inutile, né vana. Ma che sia stata, davvero, la scelta giusta». Tra le priorità programmatiche indicate da Irto nella mozione quali leve per lo sviluppo della Calabria, da raggiungere raccolgiendo la grande sfida e la grand eopportunità del Pnrr, ci sono sanità pubblica e di prossimitò. territorio bene comune, legalità con forti azioni di contrasto alla ‘ndrangheta, valorizzazione delle competenze, transizioen digitale, mil no all’autonomia differenziata.

Ecco dove seguire il dibattito sulla mozione congressuale

Oggi sarà possibile seguire le tre discussioni online sulla mozione “Rigenerare il Pdche vede candidato alla carica di segretario regionale Nicola Irto, dalle seguenti pagine facebook:

CALABRIA SUD (ore 16.00)

www.facebook.com/partitodemocraticorc

CALABRIA CENTRO (ore 17.00)

www.facebook.com/PDLameziaTerme

CALABRIA NORD (ore 18.00)

www.facebook.com/dpfederazioneprovinciale.cosenza

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb